Olimpiadi 2026, sono 7 i Paesi interessati a ospitarle

Foto d'archivio (ansa)
2' di lettura

La decisione sulla sede che ospiterà i Giochi invernali sarà presa nel settembre 2019. Per l’Italia corrono Cortina e il tandem Milano-Torino. Ma ci sono anche Graz, Sapporo, Calgary, Sion, Erzurum e Stoccolma

Sono sette i Paesi (da 3 diversi continenti) che hanno fatto arrivare al Cio, il Comitato Olimpico Internazionale, la manifestazione d'interesse ad ospitare i Giochi invernali del 2026. Per l'Italia ci sono le possibili candidature di Cortina e del tandem Milano-Torino, che dovranno concorrere contro Graz per l’Austria, Calgary per il Canada, Sapporo per il Giappone, Stoccolma per la Svezia, Sion per la Svizzera e Erzurum per la Turchia. Le candidature ufficiali saranno comunicate ad ottobre prossimo. Mentre la scelta della città organizzatrice avverrà il 10 settembre 2019, nella sessione del Cio che si svolgerà a Milano.

Presidente Cio: "Nuova normativa offrirà maggiore flessibilità nella progettazione dei Giochi"

"Accolgo con grande favore l'interesse dei comitati olimpici e delle città ad ospitare i Giochi Olimpici Invernali. Il nostro obiettivo non è solo quello di avere un numero record di candidati, ma quello di selezionare la città migliore per mettere in scena i migliori Giochi Olimpici Invernali possibili", ha dichiarato il presidente del Cio, Thomas Bach. Le manifestazioni di interesse saranno ora oggetto di colloqui e dialogo tra Cio e comitati olimpici, ha aggiunto il Cio, "e forniremo tutto il supporto, la consulenza tecnica, l'assistenza alla comunicazione e materiali per sviluppare nel modo migliore le candidature. Nel corso dei colloqui preliminari, il Cio lavorerà insieme ai comitati organizzatori ai comitato olimpici per restringere il campo e, alla fine, per scegliere la migliore città ospitante possibile. La nuova normativa offrirà inoltre una maggiore flessibilità nella progettazione dei Giochi così da soddisfare gli obiettivi di sviluppo a lungo termine della città, della regione e del Paese".

Leggi tutto
Prossimo articolo