Spaghetti dagli alberi, traduttore per cani: i migliori pesci d’aprile

6' di lettura

Dalla scoperta della "Forza" di Star Wars del Cern alla pasta raccolta dai rami in un documentario della Bbc. Dalla migliore qualità dell'immagine con i monitor capovolti alla app per tradurre i versi degli animali. Ecco alcuni degli scherzi più divertenti

Sulle origini del pesce d’aprile si sa molto poco: alcuni sostengono che questa tradizione derivi dall’antica Roma, altri la collocano nella Francia del XVI secolo ai tempi di Papa Gregorio XIII. Qualunque sia la sua origine, fare scherzi il primo giorno di aprile è un’usanza tutt’oggi molto diffusa. E anche grandi organizzazioni internazionali, emittenti televisive e colossi del web si divertono in quest'occasine. Il Cern, la Bbc, ma anche Google, YouTube e persino il sito per adulti Pornhub si sono resi protagonisti di scherzi che restano tra i più divertenti.

La Bbc e gli spaghetti dagli alberi

Tra gli habitué degli scherzi nel giorno del pesce d’aprile c’è sicuramente la Bbc. L’emittente inglese è stata una delle prime che ha sdoganato l’April fool’s day nel Regno Unito e nel mondo intero. Già nel 1957, il canale londinese diffuse, durante un suo programma, un video documentario in cui venivano mostrate intere famiglie svizzere intente a raccogliere spaghetti dagli alberi. Ovviamente era tutto falso. Uno scherzo che è ancora oggi famoso e considerato tra i migliori di sempre. Il pesce d’aprile riuscì molto bene, numerosi telespettatori credettero a quelle immagini in cui contadini svizzeri strappavano la pasta dai rami. Alcuni addirittura inoltrarono una richiesta per sapere come avrebbero potuto piantare un albero simile nella propria coltivazione.

Altri scherzi della Bbc

Qualche anno dopo, nel 1980, sempre la Bbc si rese protagonista di un altro scherzo: l’emittente rivelò che il Big Ben di Londra avrebbe cambiato e sostituito le tradizionali lancette con un orologio digitale. Anche in questo caso furono in tanti a credere alla notizia e scoppiarono numerose polemiche per la decisione, rivelatasi poi inventata, del governo britannico. Più recente, del 2008, è invece il falso documentario realizzato attraverso la manipolazione di immagini al computer: mostrava come fosse stata scoperta una colonia di pinguini in grado di volare.

Il Cern scopre la "Forza"

Tra gli scherzi migliori nel giorno del pesce d’aprile non si può non menzionare quello apparso sul sito del Cern di Ginevra, l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare. Nel 2015 fu infatti annunciata una scoperta "incredibile": l’esistenza della Forza dei film di Star Wars, dimostrata con l’ausilio del Large Haldron Collider (l'acceleratore di particelle). Fu direttamente Ben Kenobi, il personaggio immaginario della saga fantascientifica, a spiegare lo studio effettuato, ritenuto imprescindibile per comprendere la struttura dell’universo: "La Forza è ciò che dà ai fisici delle particelle la loro potenza. È un campo energetico creato da tutte le cose viventi. Ci circonda, ci penetra, mantiene unita tutta la galassia". Ovviamente la notizia era stata commentata anche dai ricercatori del Cern. "Al momento, a essere onesti, non ci interessa come funzioni", spiegò il fisico sperimentale Fun Buoi, "alcuni teorici hanno avanzato l’ipotesi che alla sua origine ci siano microscopiche forme di vita chiamate midi-chlorian, ma credo che teorie poco ragionate come questa tolgano solo fascino alla Forza".

YouTube sottosopra

Anche YouTube non è nuovo a scherzi nel giorno dedicato ai pesci d’aprile. In particolare, nel 2009, la piattaforma video più cliccata al mondo pensò di capovolgere la schermata del sito. "I monitor moderni offrono una qualità dell’immagine migliore se - come i materassi - vengono capovolti ogni sei mesi": era questa una delle bizzarre spiegazioni che YouTube dava per giustificare lo scherzo. Ma non solo, dalla piattaforma arrivarono anche suggerimenti per una migliore visualizzazione dei contenuti: "Trasloca in Australia, lì è tutto capovolto". Oppure: "Piega la testa da un lato, come se ti fosse entrata acqua nell’orecchio e hai bisogno di farla uscire".

Google, una traduzione particolare

Tra i burloni del web non poteva mancare Google, il motore di ricerca più famoso. Uno degli scherzi più singolari è quello del 2010, quando fu progettato un pesce d’aprile insieme al ramo giapponese dell’azienda. L’idea era quella di lanciare sul mercato una nuova app in grado di tradurre i versi degli animali. Una sorta di Google translator per cani, gatti, mucche, cavalli, etc... Il nome scelto per il servizio era Google Voice e fu presentato addirittura sul sito ufficiale con tanto di video in cui veniva tradotto il verso di un maiale.

Pornhub spaventa gli utenti

Altro sito che non risparmia scherzi ai suoi utenti l’1 aprile è Pornhub, una delle piattaforme pornografiche più conosciute e cliccate al mondo. Negli ultimi due anni, i responsabili del sito si sono divertiti a prendere in giro i propri frequentatori. Nel 2016 hanno ironicamente trasformato Pornhub in Cornhub, riempiendo l'homepage di pannocchie e mais (in inglese "corn" vuol dire "mais"). Nel 2017, invece, l’ideatore dello scherzo ha fatto sobbalzare sulla sedia tutti gli utenti che stavano guardando un video nel sito. "Grazie per aver condiviso! Ora Pornhub condivide automaticamente i video sui tuoi account social. Non avrai più bisogno di condividere manualmente il video con i tuoi amici e familiari, perché questa nuova rivoluzionaria funzione lo fa per te! Automaticamente!", era il messaggio che appariva a chiunque stesse guardando un contenuto sulla piattaforma. Fortunatamente, poco dopo, Pornhub stesso rassicurò gli utenti: "Buon pesce d’aprile, non ti preoccupare, la tua navigazione è sempre privata e sicura".

Leggi tutto
Prossimo articolo