Afghanistan, donna decapitata dai talebani per sospetto tradimento

2' di lettura

È successo nel distretto di Bahark. A compiere l'uccisione un commando di fondamentalisti penetrato di notte in un villaggio, in una zona che non è sotto il loro controllo. La vittima sarebbe stata infedele al marito

Una donna sposata sarebbe stata decapitata in Afghanistan per aver tradito il marito. La vicenda sarebbe avvenuta nella provincia settentrionale del Badakhshan, nel distretto di Bahark, un'area che non si trova sotto il controllo degli insorti. La portavoce della polizia provinciale Sanaullah Ruhan ha riferito ai media che, durante la notte, un commando di talebani armati è penetrato in un villaggio e ha ucciso la donna.

In Afghanistan ancora violenza sulle donne

È stato il capo del distretto di Bahark, Azim Musawi, a sostenere che "si è trattato di una tragedia dovuta a un presunto tradimento. Il commando ha prima mozzato il naso della donna e quindi l'ha decapitata". I talebani non hanno commentato l'accaduto, ma in passato hanno ucciso donne che lavoravano nella polizia nella provincia di Badakhshan. Alcuni attivisti afghani hanno rilevato al riguardo che a 17 anni dall'allontanamento dei talebani dal potere, le violenze sulle donne e la loro uccisione restano una questione irrisolta in Afghanistan, nonostante importanti investimenti e lo sviluppo di campagne di informazioni e di presa di coscienza.

Leggi tutto
Prossimo articolo