Spia russa avvelenata con nervino, Johnson: ordine partito da Putin

2' di lettura

Per gli investigatori, riporta la stampa inglese, il gas nervino era nella valigia di Yulia Skripal. Mosca apre indagine per tentato omicidio della figlia dell'ex spia. Avviate inchieste anche sulla morte di Nikolai Glushkov. Londra: "È omicidio"

"L'ordine di usare il gas nervino è arrivato da Putin". E' pesante l'accusa che il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, rivolge allo zar di Russia. E' questo l'ultimo capitolo del caso che da giorni vede contrapporsi Mosca a Londra. La Gran Bretagna non ha dubbi: il colpevole è il presidente della Federazione russa. La stampa inglese, inoltre, sostiene che la sostanza tossica che lo scorso 4 marzo ha avvelenato e ucciso  l'ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia Yulia sia stata messa nella valigia della ragazza prima ancora che partisse da Mosca. 

Telefonata Gentiloni-May, "Legittime richieste Gb"

Condanna per l'avvelenamento dell'ex spia russa arriva anche dall'Italia con il premier Gentiloni che, durante una telefonata con la premier Theresa May, afferma la piena legittimità di Londra ad avere risposte chiare ed esaurienti dalla Russia circa il suo ruolo in questo episodio.

Mosca ribalta le accuse

La Russia intanto non resta a guardare e prova a rilanciare le accuse sul tavolo dell'avversario, sostenendo che l'agente nervino Novichok, usato per avvelenare l'ex spia Skripal, potrebbe provenire dagli arsenali di Regno Unito o Usa. E si spinge oltre decidendo di aprire un'indagine per "tentato omicidio premeditato" di Yulia Skripal.

Il caso Glushkov

Ma c'è un altro caso che testimonia il braccio di ferro tra Mosca e Londra. Ed è quello legato alla morte di Nikolai Glushkov, ex socio dell'oligarca anti-Putin Boris Berezovski, trovato senza vita il 14 marzo nella sua casa nel sud-ovest della capitale in circostanze ancora da chiarire. "Ci sono segni di soffocamento sul suo collo" ha scritto nei giorni scorsi il quotidiano russo Kommersant, ed ecco che oggi il Cremlino ha deciso di aprire un'indagine per fare chiarezza sul caso. Anche per Londra si tratta di omicidio e gli investigatori confermano il decesso per soffocamento, per questo hanno deciso a loro volta di aprire una loro indagine per omicidio.

Data ultima modifica 16 marzo 2018 ore 17:19

Leggi tutto
Prossimo articolo