Michigan, sparatoria al campus: studente di 19 anni uccide i genitori

2' di lettura

Uno studente è in fuga e ricercato, sarebbe armato e pericoloso. Secondo la polizia le vittime sarebbero il padre e la madre del ragazzo che erano andati a prenderlo al campus per l'inizio delle vacanze di primavera

Ancora sangue in un campus americano. Ancora morti causati dalle armi da fuoco introdotte in scuole o college universitari. Le vittime stavolta sono due genitori che erano venuti a prendere per le vacanze il figlio. Un ragazzo di 19 anni che frequenta i corsi della Central Michigan University e che dorme negli alloggi per gli studenti. E' stato proprio il giovane a sparare, prima di darsi alla fuga.

Dramma familiare al campus

L'ennesimo episodio di violenza irrompe in un dibattito sulle armi quanto mai vivo in America dopo la strage di studenti nel liceo di Parkland, in Florida, con tante promesse messe sul tavolo che col passare dei giorni rischiano però di rimanere lettera morta. Come è avvenuto dopo le tante altre sparatorie di massa degli ultimi anni. Eric Davis, questo il nome dello studente killer, ha sparato a bruciapelo al padre e alla madre, probabilmente in seguito a un litigio. La polizia è sulle sue tracce e lo ha descritto come "armato e pericoloso". Qualche ora prima della sparatoria era stato contattato dalle autorità universitarie e dalla polizia sembra - riferiscono i media locali - per un incidente legato ad un abuso di droghe. Portato in ospedale per alcuni controlli, era stato poi rilasciato. Potrebbe essere questa la ragione che ha scatenato la lite con i genitori.

Leggi tutto
Prossimo articolo