Nigeria, rapiti quattro missionari britannici

Mondo
delta_niger

Il rapimento sarebbe avvenuto lo scorso 13 ottobre nella comunità di Enukorowa, ma le autorità locali lo hanno reso noto solo oggi. Intanto, è stato rilasciato il sacerdote italiano Don Maurizio Pallù

Quattro missionari britannici sono stati rapiti in Nigeria, nella zona petrolifera del Delta del Niger, da un gruppo formato da cinque uomini armati. Il rapimento, avvenuto lo scorso 13 ottobre, è stato reso noto solo oggi dalle autorità locali. I quattro cittadini del Regno Unito si trovavano nella regione per fornire assistenza medica alle comunità locali. Intanto, è di oggi la notizia del rilascio di don Maurizio Pallù, il sacerdote italiano anche lui sequestrato in Nigeria giovedì scorso.

Autorità locali impegnate nelle indagini

Secondo un portavoce della polizia di stato, i cinque rapitori armati non sarebbero ancora stati identificati. Al momento le autorità locali sarebbero impegnate nel tentativo di liberare gli ostaggi rapiti nella comunità di Enukorowa, nei pressi dell’area petrolifera del Delta del Niger, dove stavano prestando assistenza medica alle comunità locali. Ad oggi, secondo quanto riferisce ancora la polizia, non sarebbe stata ancora effettuata alcuna richiesta di riscatto.

Un fenomeno comune in Nigeria

In alcune regioni della Nigeria il rapimento allo scopo di richiedere un riscatto in denaro sarebbe un fenomeno piuttosto comune. Negli ultimi anni, scrive il "Guardian", ci sono già stati altri casi simili proprio nella regione del Delta del Niger, in cui si trova la maggior parte del petrolio del Paese. La polizia nigeriana ha confermato che i quattro missionari stavano prestando servizi medici a titolo gratuito. In corso le indagini per scoprire le motivazioni del rapimento.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24