Pubblicò topless di Kate, massima condanna per la rivista Closer

Mondo
Kate-William2-GettyImages

Nel 2012 era stato pubblicato un servizio con le immagini della duchessa di Cambridge durante una vacanza in Provenza. Il gruppo editoriale dovrà pagare una multa di 100mila euro

Massima pena per i responsabili di Closer, magazine che nel 2012 pubblicò le foto di Kate Middleton in topless. Lo ha stabilito il tribunale di Nanterre. Il settimanale è stato condannato a pagare una multa di 100mila euro. A questa cifra si aggiungono i 45mila euro a testa che dovranno versare direttore ed editore della pubblicazione. William e Kate avevano chiesto un milione e mezzo di euro di danni.

"Questione chiusa"

Secondo una nota diffusa da Kensington Palace la coppia reale ha accolto con soddisfazione la sentenza su Closer dichiarando che la "questione è ora chiusa". Nel comunicato si ribadisce che "il fatto è stato una chiara violazione della privacy e le altezze reali hanno reputato essenziale adire le vie legali".

Scatti "oltraggio"

Le foto dello "scandalo" sono quelle pubblicate da Closer il 14 settembre 2012. Le foto furono rubate dai paparazzi con un potente teleobiettivo mentre la coppia reale britannica stava trascorrendo una vacanza in una villa in Provenza. Kate e William furono immortalati mentre prendevano il sole in terrazzo. Kate era in topless. Closer annunciò un'esclusiva mondiale con gli scatti in prima pagina. Una decisione che fece infuriare Elisabetta II e l'intera famiglia reale britannica. La coppia reale ottenne un'ingiunzione da un tribunale francese per impedire a Closer la pubblicazione di altre foto scattate durante il soggiorno in Provenza e al settimanale fu chiesto di consegnare entro 24 ore tutte le copie delle fotografie, impedendone la vendita ad altri giornali in Paesi dove non erano ancora comparse. Ora il tribunale di Nanterre ha stabilito che fotografi e responsabili editoriali invasero la privacy di Kate Middleton, realizzando e pubblicando quelle foto.

Terzo royal baby in arrivo

La coppia non ha presenziato al verdetto del tribunale francese. Decisione più che comprensibile considerando le condizioni di salute di Kate per la terza gravidanza, appena annunciata. Dopo l'ufficializzazione della dolce attesa, oltre ai bookmaker sono tornati alla carica anche i tabloid con gossip e indiscrezioni. Batte tutti il Sun, secondo cui il bimbo in arrivo sarebbe stato concepito nel corso della visita dei duchi di Cambridge in Polonia lo scorso luglio. Il giornale titola addirittura con la definizione altisonante di "atto di Varsavia", ovvero l'intesa tra i due giovani reali che avrebbe portato alla decisione di ampliare la loro famiglia che già comprende George, 4 anni, e Charlotte, 2 anni. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24