Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Shoah, morta la più anziana sopravvissuta. Aveva 110 anni

Una foto di Alice Herz Sommer tratta dal trailer del film documentario ispirato alla sua vita "The Lady In Number 6: Music Saved My Life"
1' di lettura

Si è spenta a Londra Alice Herz Sommer. Pianista ebrea cecoslovacca, amica di Franz Kafka, fu internata nel campo di concentramento di Terezin. Riuscì a salvarsi grazie alla musica. La sua vita ha ispirato un film documentario candidato agli Oscar

A 110 anni è morta a Londra Alice Herz Sommer, pianista ebrea cecoslovacca, la più anziana sopravvissuta all’Olocausto, che si salvò grazie alla musica. Pianista di grande talento era nata a Praga, dove ebbe modo di frequentare anche lo scrittore Franz Kafka. Poi la tragedia durante la Seconda Guerra Mondiale quando venne confinata nel campo nazista a Terezin, nell’allora Cecoslovacchia, dove trovarono la morte oltre 33 mila persone. Qui però ebbe il modo di sopravvivere grazie alla musica. Nel lager intratteneva e distraeva i suoi compagni suonando il pianoforte.

Tornata a Praga nel 1945, nel marzo del 1949 emigrò in Israele e lavorò come insegnante di musica a Gerusalemme. Nel 1986 si trasferì a Londra assieme al figlio nella zona di Hampstead. La sua vita ha ispirato un film documentario dal titolo The Lady In Number 6: Music Saved My Life (qui il trailer). La pellicola di 38 minuti è candidata agli Oscar il prossimo 2 marzo.

A dare notizia della sua morte è stato il nipote Ariel Sommer: "Alice Sommer si è spenta in pace e la famiglia era riunita al sua capezzale. Molto è stato scritto su di lei, ma per noi che l'abbiamo conosciuta meglio rimane la nostra cara 'Gigi'". Il nipote ha poi ricordato alcuni episodi della vita passata con la nonna: "Ci ha amato molto e con noi ha condiviso la passione per la musica, ridendo anche insieme. Ci mancherà molto.

Leggi tutto
Prossimo articolo