Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Incendi, la grande fuga da Mosca

1' di lettura

E’ ancora emergenza in Russia. Il fumo, che ha raggiunto la stratosfera, rende l'aria irrespirabile. E cresce l’allarme per la situazione sanitaria. Passeggeri bloccati all'aeroporto di Domodedovo. GUARDA I VIDEO E LE FOTO

Mosca sotto una cappa di nebbia
Russia, non si placano gli incendi nel Centro Ovest

Cresce l'allarme per la situazione sanitaria a Mosca, stretta nella morsa del fumo che si sprigiona dagli incendi delle regioni circostanti e di un caldo soffocante. Monumenti simbolo come le torri del Cremlino risultano invisibili da breve distanza mentre il fumo acre che soffoca la città da giorni non dà tregua.

Mosca è immersa da uno smog che non ha precedenti a memoria d'uomo e la responsabile per i diritti del consumatori ha confermato che nella capitale russa è aumentato il tasso di mortalità. Le persone più a rischio sono quelle con patologie cardio-vascolari e polmonari, ma anche i bambini. Chi può, se ne va, ma decine di voli hanno subito ritardi nelle ultime ore.

Gli incendi hanno provocato una crisi che non ha precedenti in Russia centrale e le autorità faticano a rispondere ai vari fronti di crisi. A rischio sono i principali siti strategici, tra cui il più grande impianto di ricerca nucleare, quello di Sarov; ma il Ministero della Difesa ha annunciato, secondo l'agenzia Interfax, che i pompieri sono riusciti a spegnere il rogo che lo minacciava.

L'aeroporto più colpito, quello di Domodedovo, a sud di Mosca, dove circa 2.000 passeggeri in partenza sono rimasti bloccati e solo alcuni aerei sono riusciti ad atterrare. "I passeggeri devono capire che i ritardi sono inevitabili", ha detto Sergei Iswolsky, del comitato statale dell'aviazione, spiegando che i ritardi possono variare da 30 minuti a diverse ore. E se gli abitanti di Mosca cercano di fuggire dalla capitale, le agenzie di viaggio segnalano il tutto esaurito per i pacchetti vacanze verso mete come l'Egitto, il Montenegro e la Turchia.

Tutti i video sugli incendi in Russia

Leggi tutto
Prossimo articolo