Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Ucraina, Yulia “la pasionaria” non si arrende

1' di lettura

Iulia Timoshenko ha dichiarato di non riconoscere Yanukovich come presidente. L’ex leader della “rivoluzione arancione” ha rinunciato al ricorso contro i presunti brogli elettorali ma accusa il candidato filo-russo: “Svende la rete di gasdotti”

Yulia Timoshenko non getta la spugna. Parlando in tv la premier ucraina uscente ha dichiarato di non riconoscere il filo-russo Viktor Yanukovich come presidente, nè tantomeno le sue politiche anti-europee. "Ha conquistato il potere sulla base di menzogne, non durerà a lungo", ha precisato l'ex pasionaria della Rivoluzione arancione del 2004, accusando poi Yanukovich, di aver gia' cominciato la privatizzazione della rete di gasdotti; una questione rilevante visto il volume di gas che transita dalla Russia all'Unione europea proprio attraverso l'Ucraina.

Guarda anche:
Elezioni in Ucraina, la sexy protesta delle femministe. TUTTE LE FOTO

Leggi tutto
Prossimo articolo