Jonathan Bazzi: "Scrivere significa anche appropriarsi delle proprie esperienze"

Lifestyle

Filippo Maria Battaglia

Lo scrittore torna in libreria con un nuovo romanzo edito da Mondadori. "Un libro in cui si parla di due grandi movimenti -  dice durante "Incipit", la rubrica di Sky TG24 - quello dalla periferia al centro e quello, parallelo, dell'amore: prima atteso e immaginato, poi concreto e quotidiano"

ascolta articolo

Dopo "Febbre", il suo esordio che due anni fa lo ha portato tra i finalisti del premio Strega, Jonathan Bazzi è tornato da qualche settimana in libreria con un nuovo romanzo. Si intitola "Corpi minori", è pubblicato da Mondadori, è ambientato tra Rozzano, il "villaggio iroso e sciancato" dove Bazzi è cresciuto e che è stato già al centro del suo debutto, e Milano, "la speranza, il magnete, una decina di chilometri da colmare il più spesso possibile". Ed è su quella distanza e su quel confine che si misura questo nuovo romanzo, nel quale - come racconta lo stesso Bazzi durante "Incipit" - "in realtà si parla di due grandi movimenti: quello dalla periferia al centro e quello, parallelo, dell'amore: prima atteso e immaginato, poi concreto e quotidiano nella sua durata".

approfondimento

"Figli della provincia": il podcast con Caminito, Ciabatti, Lagioia

Se gli si chiede se "Corpi minori" si può definire un memoir, Bazzi risponde che "queste definizioni sono sopravvalutate: molti di quelli che vengono presentati come romanzi sono di fatto il racconto di esperienze autobiografiche, solo con nomi cambiati". Per questo, spiega, "preferisco sempre di più parlare di temi e di stile piuttosto che concentrarmi su una distinzione che credo sia più sottile di quel che poi passa nella comunicazione". Prima di aggiungere: "Per come sono fatto riesco ad appropriarmi delle esperienze solo attraverso il territorio della scrittura, e quindi il significato e il peso di esistenza delle esperienze è assolutamente aleatorio prima di quell'attività".

Lifestyle: I più letti