New York, il nuovo murale di Banksy dedicato a un'artista curda

Il murales di Banksy (immagine da Instagram)
2' di lettura

L'opera è dedicata a Zehra Dogan, attualmente in carcere per un quadro in cui denunciava la violenza del governo di Erdogan in alcune regioni della Turchia

All’angolo tra Houston Street e Bowery, nel cuore di Manhattan, è apparso un nuovo murale del celebre street artist Banksy. L’opera è dedicata all’artista curda Zehra Dogan, finita in carcere per aver denunciato con un dipinto la violenza del governo di Erdogan.

Il murale

Lungo circa 20 metri, il murale è stato realizzato da Banksy con l’artista Borf, che come la Dogan ha passato un periodo in carcere per le idee espresse con i suoi lavori. L’opera raffigura una serie di linee nere oblique, che rappresentano le sbarre di una cella, dietro le quali c’è il volto dell’artista curda. “Mi dispiace molto per lei. Ho disegnato cose che avrebbero meritato molto più di una condanna” ha spiegato Banksy al New York Times. Come sua consuetudine, lo street artist ha pubblicato uno scatto del suo ultimo lavoro sui social, accompagnato dalla scritta “Free Zehra Dogan”.

Sentenced to nearly three years in jail for painting a single picture. #FREEzehradogan

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

Zehra Dogan

Zehra Dogan è stata arrestata nel luglio 2016 per un quadro in cui raffigurava una città distrutta sulle cui macerie sventolavano bandiere turche. L’opera denunciava la violenza del regime di Erdogan nella regione di Nusaybin, in gran parte abitata da Curdi. L’artista, accusata anche di avere legami con il gruppo militante PKK, è stata condannata a quasi tre anni di carcere, e le restano da scontare ancora 18 mesi. Poco distante dal murale a lei dedicato, su un edificio tra la 14esima street e la 6th avenue, è apparsa un’altra opera di Bansky, raffigurante un topo in fuga tra le lancette di un orologio.

 

Leggi tutto
Prossimo articolo