Rapporto Istat 2022: l'economia frena, crescono le disuguaglianze

Economia

Simone Spina

L'inflazione e la guerra in Ucraina non permetteranno alla ripresa di viaggiare al ritmo auspicato. L'occupazione vicina ai livelli precedenti alla pandemia. Crescono le disuguaglianze: donne e giovani più colpiti. Povertà assoluta stabile grazie agli aiuti pubblici

ascolta articolo

L’economia italiana continuerà a marciare, ma a un ritmo più lento di quello sperato. A seminare incertezze sono inflazione e guerra, ma incombe anche l’emergenza idrica, dovuta alla siccità e a una rete colabrodo. Il conflitto in Ucraina ha acuito il rialzo dei prezzi dell’energia iniziato l’anno scorso e, a cascata, la vita è più cara, per cui – ci dice l’Istat nel suo rapporto annuale – le prospettive nel 2022 sono di gran lunga più basse di quelle dell’anno scorso, quando il prodotto interno lordo è balzato (+6,6%) dopo il tonfo causato dalla pandemia.

Si ampliano i divari fra gli italiani

approfondimento

Inflazione giugno al +8%, record dal 1986. Tutti i rincari

Il nostro Paese nei primi mesi di quest’anno è tornato ai livelli precedenti all’esplosione del Covid, ma le ferite sono tante. L’occupazione ha recuperato (21,8 milioni), tornando molto vicina alle quote del febbraio 2020, ma le disuguaglianze si sono accentuate, colpendo ancora di più le fragilità esistenti: donne, giovani, immigrati e Mezzogiorno.

Quanto morde il carovita

Cinque milioni di italiani, sottolinea l’Ufficio di Statistica, hanno stipendi bassi (spesso sotto i 12 mila euro l’anno) e scarse tutele, sono i cosiddetti lavoratori non standard. È su questa fascia di popolazione, e su quelle ancora più sfortunate, che pesa maggiormente l’inflazione (all'8% a giugno), che comunque colpisce tutti: la risalita dei prezzi mangia i salari, portando a una diminuzione reale delle retribuzioni di oltre un punto percentuale.

La povertà non scende

In questo quadro, la povertà assoluta (la capacità di comprare beni e servizi essenziali) è rimasta stabile (coinvolge 5,6 milioni di persone), ma solo – precisa l’Istat – grazie al Reddito di cittadinanza e a quello d’Emergenza che hanno impedito un milione di indigenti in più. 

Più single che coppie con figli

Tra luci e ombre, intanto, prosegue l’invecchiamento della popolazione, che continua a diminuire (siamo meno di 58,9 milioni): si mettono al mondo meno figli e, per la prima volta, i single (33,2%) superano le coppie con bambini (31,2%).

Economia: I più letti