Bce, Lagarde: rialzo dei dei tassi possibile poche settimane dopo lo stop degli acquisti

Economia

La presidente della Banca centrale europea in un intervento a Lubiana ha spiegato che dopo il primo rialzo dei tassi, "il processo di normalizzazione sarà graduale", evocando un cambiamento strutturale dell'inflazione di fronte al quale "è giusto che la politica monetaria torni a un assetto più normale"

ascolta articolo

Il primo rialzo dei tassi da parte della Bce "avverrà qualche tempo dopo" la fine degli acquisti netti di titoli. La presidente della Bce Christine Lagarde in un intervento a Lubiana ha dichiarato che non hanno “ancora definito con precisione la nozione di 'un po' di tempo', ma sono stata molto chiara che potrebbe significare un periodo di sole poche settimane”. Aprendo alla possibilità di un primo rialzo dei tassi d'interesse nell'area euro al meeting del 21 luglio, Lagarde ha aggiunto che dopo il primo rialzo dei tassi, "il processo di normalizzazione sarà graduale", evocando un cambiamento strutturale dell'inflazione di fronte al quale "è giusto che la politica monetaria torni a un assetto più normale". 

"Stime inflazione in linea obiettivo 2%"

approfondimento

Guerra Ucraina, Bce: crescita rallenta, inflazione in rialzo

"Le stime di inflazione sono pari o superiori al 2%, secondo una serie di proiezioni. E le nostre proiezioni sull'inflazione indicano sempre più che l'inflazione è in linea con l'obiettivo a medio termine". A Lubiana in occasione della conferenza per il 30esimo anniversario della Banca di Slovenia, Lagarde ha spiegato che l'impegno della Bce per la stabilità dei prezzi "contribuirà a garantire che l'inflazione torni al 2% una volta superati i vari shock dell'offerta. Inoltre, la Bce ha costantemente sottolineato l'opzionalità nella sua politica monetaria, che crea spazio per rispondere alle sorprese dell'inflazione in modo tempestivo ed efficiente". 

Gli effetti del conflitto in Ucraina

approfondimento

Inflazione, quale è la differenza tra Stati Uniti ed Europa

Di fronte all'incertezza sulla crescita, ha sottolineato che "il gradualismo e la flessibilità rimarranno importanti". "Gradualismo sul ritmo di aggiustamento della politica monetaria e flessibilità per garantire la trasmissione regolare della politica monetaria secondo necessità – ha proseguito -. Le decisioni del Consiglio direttivo di aprile rispecchiano queste caratteristiche, fornendo al contempo una sequenza ben definita di eventi per il processo di normalizzazione". Il numero Uno dell'Eurotower si è soffermata su due effetti permanenti innescati dal conflitto in Ucraina. "È probabile – ha osservato - che la guerra acceleri due cambiamenti strutturali in corso che, durante la transizione che comportano, potrebbero portare a ulteriori shock negativi dell'offerta e pressioni sui costi. In primo luogo, come ho sostenuto di recente, la guerra potrebbe rivelarsi un punto di svolta, facendo sì che la geopolitica diventi più importante per la struttura delle catene di approvvigionamento globali".

Economia: I più letti