Allarme Moneyval: con criptovalute a rischio lotta al riciclaggio di denaro

Economia

Sono necessarie regole più precise e condivise dai singoli Stati per contrastare i danni che le criptomonete possono causare: "Sfuggono ai normali controlli di banche e altre istituzioni"

ascolta articolo

Moneyval, l'organo antiriciclaggio del Consiglio d'Europa, ha pubblicato il rapporto annuale per il 2021 e ha lanciato l'allarme sui rischi delle criptomonete. Come si spiega nel rapporto, i singoli Stati devono introdurre regole nuove e sforzarsi di cooperare tra loro molto di più. Solo così si possono limitare i danni che le criptomonete e i membri di alcune professioni possono causare alla lotta contro il riciclaggio di denaro. "Il crescente uso delle criptomonete, e il settore degli asset virtuali si stanno trasformando in un'enorme sfida per il contrasto al riciclaggio poichè sfuggono ai normali controlli che le banche e altre istituzioni effettuano e sono disponibili su internet in qualsiasi punto del Pianeta", spiega Moneyval.

Professionisti possibili complici di riciclaggio

leggi anche

PayPal: lavoriamo per transazioni in cripto anche in Italia

"La cooperazione per il controllo di questi prodotti è ancora agli albori e al momento non è in grado di tenere il passo con la rapida evoluzione di queste tecnologie". Così si legge nel rapporto. Moneyval è preoccupato anche del ruolo giocato da alcune professioni nel riciclaggio di denaro. "Lo scandalo dei 'Pandora papers' dello scorso settembre ha mostrato che alcuni professionisti specializzati - avvocati, commercialisti, prestatori di servizi per la creazione d'imprese e fondi fiduciari - possono essere complici nell'attuazione di sistemi di riciclaggio di denaro su larga scala e transazionali", spiega il rapporto.

Gafi: maggiore cooperazione internazionale

vedi anche

Block Chain, Gdf Pescara blocca riciclaggio in Lituania

L'Organo antiriciclaggio del Consiglio d'Europa ha guidato gli sforzi del Gruppo d'azione finanziaria internazionale (Gafi) per riformare gli standard mondiali in materia di antiriciclaggio e criptovalute. Le novità introdotte lo scorso ottobre dal Gafi obbligheranno avvocati, commercialisti e le altre professioni specializzate ad adottare programmi di conformità per le operazioni transazionali e apriranno la strada alla cooperazione internazionale tra le autorità di vigilanza.

Economia: I più letti