Guerra in Ucraina: crolla il rublo, Borsa di Mosca chiusa

Economia
©IPA/Fotogramma

La moneta russa affonda ai minimi storici, cedendo oltre il 20% sul dollaro. La situazione in Ucraina ha pesato anche sulle Borse europee e a Milano in particolare per la forte incidenza del settore bancario su Piazza Affari: l'indice Ftse Mib ha chiuso in calo dell'1,39% a 25.415 punti

ascolta articolo

L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia pesa sul mercato. Quanto la situazione sia drammatica lo dimostra la decisione di tenere chiusa per oggi la Borsa di Mosca. Ma i titoli di alcune delle maggiori società russe quotati a Londra hanno subito un tracollo. In particolare le banche: la Sberbank perde oltre il 60% e la Vtb il 50%. Mentre il rublo affonda ai minimi storici cedendo oltre il 20% sul dollaro (GUERRA IN UCRAINA: GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - TUTTI I VIDEO). Intanto la Banca centrale della Russia alza il tasso di riferimento al 20% e ha motivato la decisione con il drastico "cambiamento delle condizioni esterne. L'aumento dei tassi si è reso necessario per rendere più attraenti i depositi" (LE CONTROMISURE DELL'UE CONTRO LA RUSSIA).

La situazione dei mercati

vedi anche

Guerra in Ucraina: le mosse dell’Ue per contrastare la Russia

La situazione in Ucraina ha pesato anche sulle Borse europee e a Milano in particolare per la forte incidenza del settore bancario su Piazza Affari: l'indice Ftse

Mib ha chiuso in calo dell'1,39% a 25.415 punti. Tra i titoli principali Unicredit ha ceduto il 9% finale, con Intesa in calo del 7% e Pirelli negativa di quattro punti percentuali. Fortissimi acquisti invece sui gruppi della Difesa, con Fincantieri salita del 20% finale e Leonardo del 15%. Anche gli altri mercati azionari del Vecchio continente sono stati generalmente negativi: Parigi ha ceduto l'1,3%, mentre Francoforte ha chiuso in calo dello 0,7% e Londra dello 0,4%. Piatta Madrid (-0,1%), mentre Amsterdam ha concluso in rialzo dello 0,2%.

I prezzi di petrolio, grano e gas

vedi anche

Guerra in Ucraina, ecco come l'Italia potrebbe sostituire il gas russo

Il petrolio vola con le nuove sanzioni alla Russia. Il Wti, dopo aver toccato un +7,5%, è cresciuto del 5,3% a 96,47 dollari al barile. Il Brent si è attestato a 102 dollari (+4,9%). Nuovo balzo, sui mercati mondiali, anche dei prezzi delle materie prime alimentari a seguito delle sanzioni. Russia e Ucraina sono infatti grandi produttori di grano le cui quotazioni sui mercati internazionali salgono del 9%. Avanzano anche il mais (+5%) e la soia (+3.9%). Si sgonfiano le quotazioni del gas, dopo l'impennata segnata in avvio di contrattazioni per le preoccupazioni legate all'escalation del conflitto e per la controffensiva di sanzioni lanciate contro Mosca. Ad Amsterdam il prezzo del gas che funge da benchmark per l'Europa sale del 5,1% a 97,9 euro al megawattora, a fronte del massimo di 128 euro (+37,4%) toccato in mattinata. A Londra si registra un aumento del 4,5% a 234,77 penny al Mmbtu, dopo il massimo di 282,7 pence (+25,9%). 

Economia: I più letti