Green Pass, le famiglie controlleranno colf e badanti

Economia

Simone Spina

Molti i dubbi su procedure e responsabilità, anche per far entrare in casa l’idraulico o l’elettricista. Mancano le linee guida del governo. Il certificato verde per i lavoratori sarà obbligatorio dal 15 ottobre

Servono chiarimenti. Fra poco più di tre settimane 23 milioni di lavoratori dovranno avere il green pass per entrare in fabbrica e in ufficio ma rimangono molti dubbi su come applicare l’obbligo deciso dal governo, che ha promesso linee guida e regole specifiche che ancora non ci sono.

Le incognite riguardano soprattutto l’universo degli autonomi, a partire da idraulici ed elettricisti che bussano alla porta di casa, ma anche babysitter, colf e badanti. Le mura domestiche saranno considerate luogo di lavoro e quindi ogni famiglia dovrà verificare se chi viene a riparare il tubo dell’acqua o chi fa le pulizie ha fatto la vaccinazione o il tampone per il Covid.

Per i controlli potrebbe essere utilizzata l’app VerificaC19 già adoperata dai ristoratori e all’ingresso dei musei. Forse ci saranno metodi alternativi, considerando che molti anziani potrebbero non avere uno smartphone. Ma, in ogni caso, questa operazione andrà fatta visto che ci sono multe da 400 a 1.000 euro per chi non appurerà l’esistenza del green pass, con sanzioni ancora più salate per chi ne è sprovvisto e va comunque al lavoro.

I controlli invece saranno a carico delle imprese se, per esempio, l’idraulico è assunto da una ditta; e se questa ha meno di 15 dipendenti potrà sostituirlo per un massimo di 20 giorni. Ma se si tratta di una partita Iva senza certificato, a rigore non potrà entrare per la riparazione.

Problematici, e ancora senza tutte le risposte, i casi che riguardano colf, badanti e babysitter. Si stima che un terzo dei due milioni di queste persone non sia vaccinata. La famiglia che ha alle dipendenze un collaboratore potrebbe sostituirlo ma non sarà semplice trovare un’altra persona che assiste, per esempio, un malato.

Per il periodo di sospensione non si pagherebbero stipendi e contributi Inps ma non si potrà licenziare. Ovviamente tutto questo se chi aiuta in casa è in regola ma siccome si stima che un milione sia in nero, per tutti questi il rischio è che l’obbligo di green pass finisca per essere lettera morta

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24