Twitter patteggia per chiudere class action: pagherà 809,5 milioni di dollari

Economia
©Getty

Twitter è stata accusata di aver ingannato gli investitori nel 2015 sui dati relativi agli utenti. La Società che cinguetta ha patteggiato il pagamento ma continua a negare di aver compiuto azioni improprie

Twitter patteggia il pagamento di 809,5 milioni di dollari per chiudere la class action avviata nel 2016 presso la corte distrettuale del Northern District of California. Il social network è accusato di aver ingannato gli investitori nel 2015 sulla crescita della propria base utenti. La società di San Francisco ha affermato che l’accordo proposto – che ancora deve essere approvato da un giudice – risolve tutte le richieste contro di essa senza che Twitter quindi debba ammettere alcun illecito.

 

Le accuse

Gli azionisti hanno accusato la società di averli ingannati sul numero degli utenti attivi mensili e sulla misura che indica quanto frequentemente gli utenti interagiscono con la piattaforma.  La compagnia avrebbe in buona sostanza mascherato la crescita troppo lenta, mentre “vendeva azioni per milioni di dollari“. Twitter ha dichiarato che prevede di utilizzare la liquidità disponibile per pagare l’accordo nel quarto trimestre del 2021. Nel 2019, Twitter ha smesso di segnalare i dati mensili degli utenti. All’ultimo conteggio, nella primavera di quell'anno, il numero era di 330 milioni. Oggi Twitter riporta solo i dati degli utenti giornalieri. 

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24