Recovery Fund Italia, in arrivo in estate la prima rata da 25 miliardi

Economia
©Ansa

Già a fine luglio il nostro Paese potrebbe vedere i primi aiuti. Con l’approvazione da parte dell’Austria e della Polonia, tutti i 27 Stati membri dell’Ue hanno completato l’iter per l’approvazione della manovra di intervento sui Paesi più colpiti dalle conseguenze economiche della pandemia

Per l’Italia arriva il Recovery Fund. Già in estate il nostro Paese potrebbe veder arrivare una prima rata del valore di 25 miliardi. Con l’approvazione da parte dell’Austria e della Polonia, tutti i 27 Stati membri dell’Ue hanno completato l’iter per l’approvazione della manovra di intervento sui Paesi più colpiti dalle conseguenze economiche della pandemia

Obbligazioni per 50 miliardi di euro

approfondimento

La corsa degli stati europei verso il Recovery Fund

Il Next Generation UE è dunque ufficialmente al via. Ora il Consiglio europeo dovrà riunirsi il prossimo 24 giugno per ratificare il trasferimento economico e permettere alla Commissione di predisporre il suo piano per raccogliere sul mercato tutti i fondi. Obbligazioni che, nella prima tranche, avranno un valore di circa 50 miliardi di euro. Dopodiché l'obiettivo è un piano di emissioni bond per circa 150 miliardi all'anno fino al 2026.

I primi 25 miliardi all'Italia

approfondimento

Recovery Plan, le stime di crescita del Paese entro il 2026

I primi 25 miliardi dovrebbero arrivare all’Italia tra la fine di luglio e l’inizio di agosto. Al nostro Paese è destinato un ammontare complessivo di aiuti per circa 190 miliardi di euro. Di questi, solo 11 miliardi sono prestiti, mentre per tutto il resto si tratta di sovvenzioni a fondo perduto. Intanto ieri Mario Draghi ha riunito la cabina di regia del Recovery Plan e ha incontrato i sindacati per parlare del dl Semplificazioni in tema di appalti.

Johannes Hahn: "Passaggi finalizzati entro maggio"

approfondimento

Recovery Plan, l’impatto dei fondi Ue sul Pil italiano ed europeo

Ad annunciare l’approvazione su Twitter, il commissario europeo per il Bilancio, Johannes Hahn: “Con i voti positivi dei parlamenti dell’Austria e della Polonia, tutti i 27 Stati membri hanno completato il processo parlamentare per l’approvazione della decisione sulle risorse proprie dell’Ue”. E ha aggiunto: “Sono fiducioso che tutti i passaggi rimanenti possano essere finalizzati già a maggio, il che ci consentirebbe di dare il via al Next Generation EU già a giugno”.

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.