La crisi dei lavoratori dello spettacolo

Economia

Luca Tommassini ci racconta come molti lavoratori dello spettacolo stiano oggi rinunciando alla propria carriera, alla propria casa e siano dovuti tornare a vivere con i genitori. Perché dietro alle “star” -spiega- ci sono molti lavoratori che a causa del Covid si sono trovati senza sostentamento

Una vera e propria performance, quella dei lavoratori dello spettacolo, andata in scena il 10 ottobre in Piazza Duomo. Centinaia di bauli nel cuore di Milano per parlare di un problema che esiste eccome: a causa del Covid-19  1300 lavoratori  hanno dato voce alle 570 mila persone del settore ferme, o gravemente danneggiate dalla pandemia che ha colpito l'Italia. Dal membro direttivo dell'iniziativa 'Bauli in Piazza', Maurizio Cappellini, un messaggio molto chiaro: si può lavorare rispettando le regole ma occorre in ogni modo evitare un nuovo lockdown. Luca Tommassini, direttore artistico di fama internazionale, ha descritto come i lavoratori spesso siano costretti a tornare a vivere con i genitori.

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24