Coronavirus, morto Sergio Rossi, il maestro delle scarpe di lusso

Economia

All'età di 85 è morto all'ospedale di Cesena, dove era ricoverato positivo al Covid-19. Pioniere del settore scarpe di lusso per donne, maestro di stile, cedette il controllo della sua maison a Gucci nel 1999

Il Coivd-19 si porta via un pezzo di storia del made in Italy e della moda italiana: Sergio Rossi, imprenditore e fondatore dell'omonima azienda di calzature, è morto a 85 anni. Era ricoverato da diversi giorni all'ospedale Bufalini di Cesena, positivo al coronavirus. Era nato nel 1935 e, ereditando l'arte dal padre calzolaio, aprì il primo stabilimento nel 1951. "Una grande perdita per la nostra comunità - ha detto Luciana Garbuglia, sindaco di San Mauro Pascoli, il suo borgo natale - che ci lascia dei valori importanti, un imprenditore che ha dato lavoro a tanti concittadini”.

Dall'inizio nel Cesenate alla vendita a Gucci

Se le Marche e la bassa Romagna sono fiore all’occhiello del settore delle scarpe, il merito è di personaggi come Sergio Rossi. Di fatto uno dei padri del distretto calzaturiero del Rubicone. Negli anni ‘60 iniziò a creare le prime scarpe di lusso da donna, imparando l’arte del calzolaio dal padre. Molti degli altri imprenditori calzaturieri della zona, e non solo, iniziavano la loro avventura in quel periodo storico, Sergio Rossi è stato un pioniere del settore, iniziando a esportare in tutto il mondo le sue scarpe fino al 1999. In quell’anno ha ceduto il controllo della sua azienda a un gruppo grande come Gucci, conservandone il 30%. Fino al 2005. Periodo in cui ha iniziato a dedicarsi al mercato immobiliare, con meno fortuna, vista anche la crisi del 2008-2009.

 

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.