Decreto Cura Italia, a chi spettano i bonus da 100 e 600 euro

Economia

Due tipi di intervento diverso, con logiche differenti: per chi lavora regolarmente (nelle sede aziendale, aumentando il proprio rischio-contagio) bonus di 100 euro netti in busta paga. Per gli autonomi in difficoltà, una tantum da 600 euro. Chi e come può richiederli

Sostegno ai lavoratori, sia dipendenti che sono presenti sul posto di lavoro in azienda (quindi assumono un maggior rischio-contagio non potendo lavorare da casa in smart working), sia autonomi che perdono reddito (si pensi a chi ha dovuto chiudere il suo bar, negozio, ha dovuto stoppare la sua attività ed eventi già programmati). Il decreto “Cura Italia” prevede anche questi due tipi di aiuto (CORONAVIRUS, AGGIORNAMENTI).

100 euro per i dipendenti che lavorano in sede 

Il primo è per tutti i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato: non sempre è possibile svolgere da casa la stessa attività lavorativa svolta in ufficio o in azienda. Ecco un bonus da 100 euro, per il mese di marzo, ai titolari di lavoro dipendente che possiedono un reddito complessivo di importo non superiore a 40.000. Il premio, che non concorre alla formazione di reddito (quindi non è conteggiato per poi pagarci tasse e contributi), è da modulare a seconda del numero dei giorni di lavoro svolti in sede nel mese di marzo.

A chi spetta il bonus

Requisito fondamentale per beneficiare del bonus è di aver lavorato nella sede di lavoro per tutto il mese di marzo. Il bonus spetta anche a coloro che hanno lavorato in sede per qualche giorno di marzo, non per l’intero il mese, ma in questo caso l’importo va come detto rapportato al numero di giorni effettivamente lavorati in sede, quindi sarà solo una parte dei 100 euro. La cifra è pagata automaticamente dal datore di lavoro e viene poi a questo rimborsato dallo Stato, già nella busta paga di aprile, o comunque non più tardi del conguaglio di fine anno.

600 euro per autonomi in difficoltà

Per i lavoratori autonomi, comprese le partite Iva e i co.co.co., il decreto prevede 600 euro di bonus “una tantum”. Chi può richiederlo (all’INPS)? Chi è titolare di una partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020, ma anche lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) attivi alla data del 23 febbraio 2020, iscritti alla Gestione separata dell’INPS, che non percepiscano già una pensione e non siano iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria. 

Gualtieri: "Solo per chi ne ha davvero bisogno"

L'INPS, verificato che chi ha presentato la domanda ne abbia i requisiti, versa l'indennità come una tantum: quindi non contribuisce alla formazione del reddito, ossia la cifra è netta, non bisogna parare tassi e contributi. Il limite di spesa stabilito dal Governo, per il 2020, è di 1,8 miliardi per l'erogazione dei bonus: da qui, la richiesta del ministro dell’economia Gualtieri di richiederla solo se si ha effettivamente bisogno.

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24