Lavoro, l'Italia è la peggiore nell'Unione Europea dopo Malta per divario di genere

Economia

Secondo gli ultimi dati dell'Eurostat resta molto ampio il gap per quanto riguarda la percentuale di donne italiane attive nel mondo del lavoro: solo il 56,2% a fronte del 68,3% medio in Europa. Il divario con gli uomini è a 19,8 punti

Nonostante una crescita registrata negli ultimi 10 anni, l’Italia è ancora molto indietro in Europa per la percentuale di donne attive nel mondo del lavoro. Ed è al penultimo posto per quanto riguarda il divario con gli uomini. Resta molto ampio anche il gap con l'Europa: nel 2018 - come risulta da Eurostat - le donne attive (occupate e disoccupate) tra i 15 e i 64 anni erano solo il 56,2% del totale a fronte del 68,3% medio in Ue, il dato peggiore in assoluto. Il gap tra uomini e donne sull'attività in Italia è a 19,8 punti, il peggiore dopo Malta. Se si guarda invece alle donne occupate in Italia sono il 49,5% di quelle in età da lavoro, il peggiore dopo la Grecia e circa 13,9 punti inferiore alla media Ue.

Lavora solo il 49,5% delle donne

Tra il 2009 e il 2018 c'è stata una crescita consistente per l'attività delle donne sul mercato italiano passata, sempre nella fascia tra i 15 e i 64 anni dal 51,1% al 56,2% (da 64% al 68,3% nell'Unione europea) ma resta comunque inferiore al 50% la quota delle donne occupate. Lavora infatti solo il 49,5% delle donne - dal 46,4% del 2009 - con appena 3,1 punti di crescita a fronte degli oltre cinque della media Ue. Se poi si guarda alla fascia tra i 25 e i 54 anni, quella centrale per il mercato del lavoro, le donne occupate in Italia sono appena il 59,4%, il dato peggiore dopo la Grecia (74,7% la media Ue), con un avanzamento di appena tre decimi di punto sul 2009 (3,3 punti la media Ue).

Una donna su tre non interessata a entrare nel mercato del lavoro

In Italia oltre una persona su cinque tra i 25 e i 54 anni (il 22,1%) è fuori dal mercato del lavoro, quindi non è occupata e non cerca impiego, il dato più alto nell'Ue, ma la percentuale per le donne sale al 32,6%, al top in Europa. In pratica quasi una donna su tre è a casa e non interessata a entrare nel mercato mentre la media europea è inferiore al 20%.

Aumenta il tasso di attività, ma per la fascia più anziana

È aumentato in modo consistente soprattutto il tasso di attività per la fascia più anziana, quella tra i 55 e i 64 anni: in Ue tra il 2002 e il 2018 ha guadagnato in media 21 punti, dal 41% al 62% mentre in Italia è avanzato di 22,5 punti (dal 34,5% al 57%), soprattutto grazie alla stretta sull'accesso al pensionamento. L'aumento dei requisiti per le donne ha portato a un aumento del tasso di attività delle donne tra i 55 e i 64 anni dal 18,1% al 46,1% mentre per le donne occupate il passaggio è stato dal 17,3% del 2002 al 43,9% del 2008. Il tasso di attività delle donne italiane resta il più basso in Ue con oltre il 43% delle donne in età da lavoro fuori dal mercato. Tra i 25 e i 54 anni sono nel mercato il 68,3% delle donne italiane (l'80,5% è attiva in Ue) mentre quasi un terzo resta inattivo.

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.