Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Europa, non si ferma l'emorragia di posti di lavoro

1' di lettura

Le statistiche aggiornate dell'Eurostat confermano un rallentamento della disoccupazione che tuttavia non si arresta. In Italia, da ottobre a dicembre 2009, il calo dell'occupazione è stato dello 0,1% contro un -0,6% del trimestre precedente

Rallenta ma non si arresta l'emorragia di posti di lavoro in Europa: nel quarto trimestre del 2009 quelli persi nell'intera Ue sono stati 583 mila con una diminuzione dello 0,3%, di cui 347 mila in Eurolandia. Nel terzo trimestre del 2009 l'occupazione era caduta dello 0,5% nelle due zone con una perdita di un milione di posti di lavoro. Lo rende noto oggi a Bruxelles Eurostat, l'Ufficio statistico dell'Ue.

In Italia la tendenza registra un miglioramento. Da ottobre a dicembre 2009 il calo dell'occupazione è stato dello 0,1% (lo stesso livello della Francia) contro un -0,6% del trimestre precedente. La Germania ferma l'emorragia di perdita di posti di lavoro registrando lo 0,0% di variazione nel quarto trimestre del 2009 rispetto a quello precedente. Situazione critica in Grecia e Spagna con entrambe -0,8%.

Da ottobre a dicembre 2009, secondo Eurostat, la perdita di posti di lavoro è stata segnalata nella maggioranza dei settori economici con l'eccezione dell'agricoltura (+0,5% in Eurolandia, +0,1 Ue-27), e nei servizi legati all'amministrazione pubblica, sanità e istruzione che segnano entrambe una crescita dello 0,2%. In leggera ripresa anche i servizi finanziari nell'Ue-27 con +0,1%.

Nella costruzione invece, il calo nel quarto trimestre del 2009 è stato dello 0,4% nella zona euro e dello 0,7% nell'Ue-27; nell'industria manifatturiera dell'1,1% e dell'1%; nel settore finanziario dello 0,1 in Eurolandia; nel commercio, trasporti e comunicazioni dello 0,5% in entrambe le due zone.

Guarda anche:
Istat, disoccupazione record. Mai così alta dal 2004
Fiat: da oggi 30 mila lavoratori in cassa integrazione
Isae: la ripresa è lenta, resta l’allarme lavoro

Leggi tutto
Prossimo articolo