Piazza Fontana, il testimone: “Così sono sopravvissuto alla bomba”. VIDEO

Cronaca

Alberto Giuffrè

Fortunato Zinni era un funzionario della banca in cui 50 anni fa è esploso l’ordigno che ha provocato una strage: “Ho sentito un grande boato e un buio opprimente immediato. Lo spostamento d’aria mi ha mandato 3-4 metri più avanti”

“Ho sentito un grande boato e un buio opprimente, immediato. Lo spostamento d’aria mi ha mandato 3-4 metri più avanti” (VIDEO). Il 12 dicembre 1969, quando è esplosa la bomba di piazza Fontana, Fortunato Zinni era a pochi metri dall’ordigno. Aveva 29 anni ed era un funzionario della Banca Nazionale dell'Agricoltura. Si è salvato perché, pochi minuti prima, è stato chiamato al piano superiore. Ne è uscito senza un graffio ma da quel momento la sua vita è cambiata. Non ha mai smesso di lottare per la verità sulla strage e di raccontare quello che ha visto con i propri occhi. Lo fa anche adesso, a 50 anni da uno degli eventi chiave della storia del nostro Paese (LO SPECIALE - L'INTERVISTA INTEGRALE).

L’odore di mandorle amare

“È vero che è esplosa una caldaia?”. È la prima domanda che Zinni si è sentito fare da un poliziotto appena ha risposto a uno dei telefoni che hanno iniziato a squillare in banca dopo lo scoppio. “Ho avuto uno sprazzo di lucidità - racconta - e ho detto: no no, non può essere perché io so dov’è la caldaia”. Zinni non aveva dubbi: “Avvertivo fortissimo un odore di mandorle amare. Lo conoscevo bene perché, quando ero bambino, il casolare dei miei genitori era sulle rive del Sangro dove passava la linea Gustav. Dalle colline, prosegue sulla riva destra del fiume l’ottava armata inglese sparava granate col mortaio sulle postazioni tedesche, dall’altra parte, dove c'era appunto la casa dei miei. Quando queste granate scoppiavano tra gli ulivi si diffondeva intorno questo tipico odore che è diventato un incubo ancestrale per me”.

La cintura dimenticata

Quando è ancora al telefono con la questura, Zinni si accorge di avere davanti un pezzo di braccio di una vittima. Scappa ma un cliente insanguinato si aggrappa ai suoi pantaloni chiedendo aiuto: “Ho cominciato a tremare, mi veniva da vomitare, avevo paura, piangevo”. Due mesi dopo lo stesso cliente torna in banca, consegna a Zinni un pacchetto e dice: “Tenga, questa è sua, la ringrazio”. Il giovane funzionario di banca la apre e si stupisce nel trovare all’interno la cintura dei suoi pantaloni: “Mi ha raccontato che io gli avrei legato il moncherino della gamba per fermare l’emorragia. Ancora oggi sono convinto di non essere stato io” (VIDEO). 

“Quei 300mila in piazza Duomo hanno salvato il Paese”

La sua voce si incrina quando ricorda due funerali: quello di Pinelli e quello delle vittime della bomba, in piazza Duomo: “C'era tutta Milano. A quelle 300.000 persone, che hanno partecipato in silenzio e senza bandiere, tutto il Paese dovrebbe fare un monumento perché con la loro presenza hanno fermato chi voleva trasformare il nostro Paese in una dittatura” (VIDEO). 

“Lo Stato ha qualcosa da farsi perdonare”

Cinquant’anni dopo, per la prima volta, la più alta carica dello Stato partecipa alle commemorazioni per la strage. La presenza di Mattarella per Zinni è una svolta storica. Perché “lo Stato ha qualcosa da farsi perdonare: ci sarà una memoria condivisa quando l’oblio verrà rimosso e le 18 vittime avranno finalmente giustizia”.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.