Dieci anni fa moriva Alda Merini, ecco le sue frasi più famose

Cronaca
alda-merini-getty

Una vita difficile tra follia e poesia: i suoi versi parlavano di amore, sofferenza e diversità. Gli anni trascorsi in manicomio, il successo che tardava ad arrivare, poi le candidature al Nobel nel 1996 e nel 2001. Ecco alcune delle sue citazioni più celebri

Moriva 10 anni fa, l'1 novembre 2009, Alda Merini, poetessa e scrittrice simbolo del Novecento. Nata a Milano il 21 marzo del 1931, già a 15 anni il suo talento viene scoperto dal critico e poeta Giacinto Spagnoletti. Tuttavia, nonostante il riconoscimento ottenuto in giovane età, quella della poetessa è una vita molto difficile: nel 1947 viene internata per la prima volta nella clinica Villa Turro a Milano, nella quale trascorre circa un mese. Poi ancora un lungo internamento all’Ospedale Psichiatrico "Paolo Pini" dal 1964 al 1972. Tra poesia e follia libera i suoi versi, che tuttavia la portano al successo solo in tarda età. Finché nel 1996 e nel 2001 viene candidata al premio Nobel per la letteratura. Ecco le sue frasi più celebri.

La presenza di Orfeo

Il primo libro di poesie di Alda Merini è del 1953 e si intitola "La presenza di Orfeo". Nello stesso anno la scrittrice sposa Ettore Carniti, operaio e sindacalista, dopo aver concluso una relazione difficile con Giorgio Manganelli. La poetessa ha 22 anni e scrive: "Amo i colori, tempi di un anelito inquieto, irresolvibile, vitale, spiegazione umilissima e sovrana dei cosmici 'perché' del mio respiro".

Tu sei Pietro

Nel 1955 muore suo padre e nasce la sua prima figlia, Emanuela, seguita dalla secondogenita Flavia nel 1957. È al loro pediatra Pietro De Pascale che nel 1962 dedica la sua raccolta di poesie "Tu sei Pietro". In questi versi Merini unisce i passi evangelici al tema tragico del fato: "Ché cristiana son io ma non ricordo dove e quando finì dentro il mio cuore tutto quel paganesimo che vivo".

Terra Santa

Dopo il 1962 comincia il grande periodo di silenzio, con l’internamento nell'Ospedale Psichiatrico "Paolo Pini" dal 1964 al 1972. Alda Merini torna a scrivere solo nel 1979, con il capolavoro "Terra Santa" (che andrà in stampa nel 1984), in cui parla della sua esperienza: "Ho conosciuto Gerico, ho avuto anch’io la mia Palestina, le mura del manicomio erano le mura di Gerico e una pozza di acqua infettata ci ha battezzati tutti. Lì dentro eravamo ebrei e i Farisei erano in alto e c’era anche il Messia confuso tra la folla: un pazzo che urlava al Cielo tutto il suo amore in Dio".

L'altra verità. Diario di una diversa

Dopo la morte del primo marito, nel 1984 sposa l’anziano poeta ed ex primario di cardiologia Michele Pierri. Nel 1986 scrive il suo primo libro in prosa "L’altra verità. Diario di una diversa". Merini racconta: "Non avrei potuto scrivere in quel momento nulla che riguardasse i fiori perché io stessa ero diventata un fiore, io stessa avevo un gambo e una linfa". E continua a scrivere sulla pazzia: "Di fatto, non esiste pazzia senza giustificazione e ogni gesto che dalla gente comune e sobria viene considerato pazzo coinvolge il mistero di una inaudita sofferenza che non è stata colta dagli uomini".

Delirio amoroso

Passato un periodo trascorso a Taranto con Pierri, torna a vivere a Milano, sui Navigli. Trova rifugio nel Caffè Chimera e nei suoi versi, in un periodo molto prolifico dal punto di vista letterario. Nel libro "Delirio amoroso", del 1989, scrive: "Forse un giorno scriverò il vero diario, fatto di pensieri atroci, di mostruosità e di voglia innaturale di uccidersi. Il vero diario è nella mia coscienza ed è una lapide tristissima, una delle tante lapidi che hanno sepolto la mia vita. È stato detto da qualcuno: 'Chi ha vissuto più volte deve morire più volte'. Frase stupenda, che riassume il terribile concetto della stupidità irata dell’uomo che non concepisce le colpe degli altri e tollera solamente le proprie".

Vuoto d'amore

Nel 1991 esce la raccolta "Vuoto d’amore", in cui Merini parla anche del suo sentimento verso la poesia: "Nulla vale la durata di una vita ma se mi alzo e divoro con un urlo il mio tempo di respiro, lo faccio solo pensando alla tua sorte, mia dolce chiara bella creatura, mia vita e morte, mia trionfale e aperta poesia che mi scagli al profondo perché ti dia le risonanze nuove".

La pazza della porta accanto

Nel 1995 pubblica "La pazza della porta accanto". È ormai una scrittrice affermata, ma deve ancora fare i conti con i debiti economici di una vita. Ha 64 anni e scrive: "Ho la sensazione di durare troppo, di non riuscire a spegnermi: come tutti i vecchi le mie radici stentano a mollare la terra. Ma del resto dico spesso a tutti che quella croce senza giustizia che è stato il mio manicomio non ha fatto che rivelarmi la grande potenza della vita".

La vita facile

Anche nella sua fase più matura, Alda Merini non perde l’interesse per l’erotismo. Ne "La vita facile", del 1996, scrive: "La menopausa è il periodo dorato dell’amore". E poi: "Ci sono adolescenze che si innescano a novanta anni". E ancora: "Non posso farmi santa perché ho sempre in mano l'arma del desiderio".

Aforismi e magie

Nel 1999 la sua poesia sintetica ha ormai preso la decisa forma di aforisma, molti dei quali raccolti in "Aforismi e magie". Secche sentenze di poche parole: "Anche la follia merita i suoi applausi"; "Chi è a corto di bugie non può salvarsi"; "Il grado di libertà di un uomo si misura dall'intensità dei suoi sogni"; "Non ho paura della morte ma ho paura dell'amore"; "L'aforisma è il sogno di una vendetta sottile. L'aforisma è genio e vendetta e anche una sottile resa alla realtà biblica. Chi fa aforismi muore saturo di memorie e di sogni ma pur sempre non vincente né davanti a Dio né davanti a se stesso né davanti al suo puro demonio".

Sono nata il ventuno a primavera

Nel 2004 le sue parole diventano musica, cantate da Milva nell'album "Milva canta Merini" che condensa in versi la vita della poetessa: "Sono nata il ventuno a primavera ma non sapevo che nascere folle, aprire le zolle potesse scatenar tempesta. Così Proserpina lieve vede piovere sulle erbe, sui grossi frumenti gentili e piange sempre la sera. Forse è la sua preghiera".

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.