27enne morta per meningite, pm Roma indaga per omicidio colposo

Cronaca

Un intervento di routine per Valeria Fioravanti, impiegata di Aeroporti di Roma e mamma di una bimba di poco più di un anno, avrebbe comportato una meningite batterica non riconosciuta dopo quatto visite in tre ospedali differenti

ascolta articolo

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine per omicidio colposo per colpa medica, contro ignoti, in relazione alla morte di Valeria Fioravanti, 27 anni, deceduta per una meningite batterica. La ragazza, secondo quanto scrive il quotidiano La Repubblica, nelle scorse settimane si era recata in più ospedali perché accusava fastidi dopo la rimozione di un ascesso effettuato nei giorni di Natale.

Un'odissea passata da tre ospedali

leggi anche

Roma, 27enne muore per meningite batterica dopo diagnosi sbagliata

Aveva passato il giorno di Natale in ospedale, al Campus Biomedico a Roma, perché dovevano rimuoverle un ascesso. Un intervento di routine per Valeria Fioravanti, 27 anni, impiegata di Aeroporti di Roma e mamma di una bimba piccola, di poco più di un anno. Pochi giorni dopo, però, una meningite batterica - secondo la famiglia contratta durante l'operazione - l'ha uccisa. Ieri sono state staccate le macchine che la tenevano in vita. La ragazza è morta dopo essere stata dimessa quattro volte da tre diversi ospedali. Passano due giorni dall'intervento, quando il 27 dicembre Valeria torna nell'ospedale dove era stata operata, ovvero al Campus Biomedico, e comincia il calvario. Aveva notato che la ferita si era infettata. Ma da lì viene dimessa. Dopo 48 ore torna in ospedale, questa volta al Policlinico Casilino. Ha un forte mal di testa e dolori alla schiena. Anche da lì viene mandata a casa con la diagnosi di cefalea e la prescrizione di antinfiammatori. Il giorno dopo i dolori ci sono ancora e, quindi, Valeria torna nello stesso Policlinico. "E' stata cacciata", racconta un parente. I sintomi però continuano a peggiorare. Questo spinge la giovane ad andare al pronto soccorso del San Giovanni dove arrivano nuove dimissioni. Le dicono di avere delle protrusioni, deve indossare un collare e prendere antinfiammatori. Il 5 gennaio la ragazza torna nell'ospedale via dell'Amba Aradam. I medici questa volta vogliono indagare di più e le prescrivono esami specifici che confermano i sospetti: si tratta di meningite batterica. Valeria, però, entra in coma. Si libera un posto in terapia intensiva al Gemelli dopo quattro ore dove viene trasferita per essere operata d'urgenza. Fino quando vengono staccate le macchine e Valeria muore. La procura di Roma apre un fascicolo di indagine per omicidio colposo per colpa medica, contro ignoti. E la famiglia sui social chiede giustizia pubblicando una foto di Valeria in cui sorride. 

Valeria Fioravanti
Valeria Fioravanti - ©Ansa

Cronaca: i più letti