Barca sugli scogli nel nord Sardegna, 2 morti e 2 feriti

Cronaca

La barca su cui viaggiavano ha preso una secca e ha colpito gli scogli dell'Isola delle Bisce, a sud est di Caprera. I due feriti, uno con trauma facciale e uno con fratture multiple, sono stati trasportati all'ospedale

ascolta articolo

Tragedia nelle acque della Maddalena, in Sardegna, dove un'imbarcazione da pesca di circa 8 metri è finita sugli scogli: due uomini sono morti e altri due sono rimasti feriti. L'incidente è avvenuto vicino all'isola delle Bisce, tra Caprera e Porto Cervo. L'allarme alla capitaneria di porto della Maddalena è stato lanciato da un altro natante di passaggio, i cui occupanti hanno sentito un boato, visto la barca vicino agli scogli e prestato i primi soccorsi ai naufraghi.

Indagini per accertare la dinamica del naufragio

Sul posto sono accorse le motovedette della guardia costiera ed è stato allertato il 118. Le vititme sono Tommy Di Chello, 38 anni titolare di un'impresa di giardinaggio a Golfo Aranci, e Giacomo Botte di Napoli. I due feriti sono Carlo Nieddu, di Golfo Aranci e un uomo campano. Sono ricoverati all'ospedale di La Maddalena, policontusi, con gravi ferite e in stato di choc. Secondo una prima ricostruzione dell'incidente fatta dalla Guardia Costiera di La Maddalena, i quattro si trovavano su un motoscafo Fisherman e stavano rientrando su Golfo Aranci o Porto Cervo dopo una battuta di pesca. Procedevano da nord verso sud e dopo avere superato l'isola di Caprera si sono schiantati contro uno scoglio in prossimità dell'Isola delle bisce. L'impatto è stato violentissimo, i quattro sono stati sbalzati in mare. Le due vittime sarebbero morte sul colpo. Due pescatori sportivi, tra cui un militare della Guardia di finanza del Reparto operativo aeronavale della Sezione di La Maddalena, libero dal servizio, si trovavano a bordo di un gommone lì vicino, hanno sentito lo schianto, hanno dato l'allarme alla Capitaneria di porto e hanno prestato i primi soccorsi. Si sono trovati davanti il motoscafafo ribaltato, con una persona sopra la barca e tre in acqua. Li hanno portati a bordo e poi con l'arrivo sul posto delle motovedette della Guardia Costiera di La Maddalena, hanno trasportato i quattro al porto di La Maddalena, e da lì in ambulanza all'ospedale "Paolo Merlo". Su Di Chello e Botte sono stati inutili i tentativi di rianimazione e all'ospedale ne è stata constatata la morte. La Procura di Tempio Pausania ha sequestrato il motoscafo, che è stato recuperato, e ha aperto un'inchiesta sull'incidente.

All'alba un altro incidente in mare a La Maddalena

leggi anche

Migranti, barca affonda a Lampedusa: un morto e diversi dispersi

Si tratta del secondo incidente in mare, nello stesso giorno, a La Maddalena: questa mattina due giovani cugini maddalenini di 24 e 16 anni erano finiti con il gommone sugli scogli prima dell'alba vicino a Punta Tegge. Per il più grande dei due è stato sufficiente il trasferimento al Pronto soccorso di Olbia mentre sono gravi le condizioni del minorenne, che è stato portato in elicottero all'ospedale di Sassari. La Capitaneria di porto di La Maddalena era intervenuta poco prima dell'alba a Tegge e all'ora del tramonto è scattato l'allarme per il nuovo incidente a sudest di Caprera. 

 

Cronaca: i più letti