Treviso, riceve lettera anonima con minacce come nella serie tv "The Watcher "

Cronaca
©Getty

Quelle poche righe hanno condizionato la vita della signora che lavora in un bar di Castelfranco. “Chi ha scritto sa delle cose di me, è evidente. Non so perché qualcuno dovrebbe farmi una cosa del genere, anche se fosse uno scherzo. Io sono preoccupata, speriamo bene”

 

ascolta articolo

“Cara proprietaria dell’appartamento è giunto il momento che lei sappia che la sua casa è osservata ogni giorno. Le do il benvenuto nel suo peggior incubo”. Ecco l’incipit di una lettera, sigillata con la ceralacca, lasciata alla porta d’ingresso di un appartamento a Treviso e riportata dal Gazzettino. Poche righe firmate: l’osservatore. Il fatto singolare è che quanto accaduto è l’esatta trasposizione della trama di “The watcher” (l’osservatore per l’appunto) serie tv ispirata alla storia vera riportata sulla rivista “The cut” a firma di Reeves Wiedeman. Nel giugno del 2014 a New Jersey nella nuova casa acquistata da Derek Broaddus e la moglie Maria al 657 Boulevard cominciarono ad arrivare lettere minacciose scritte a mano.

 

 

Un copione già scritto

approfondimento

The Watcher, la famiglia che l'ha ispirata non guarderà la serie

La vicenda è diventato spunto per la serie tv ideata da Ryan Murphy e Ian Brennan e distribuita su Netflix lo scorso 13 ottobre. Adesso lo stesso copione si sta replicando a Borgo Treviso dove, venerdì, una signora ha trovato fuori casa questa lettera. “L’ho aperta e ho preso paura. Ho subito chiamato mio figlio che non abita con me e lui mi ha detto intanto che era stata scritta veramente male e poi che si ispirava ad una serie tv. Mi ha detto di stare tranquilla, che probabilmente è uno scherzo. Ma io sono preoccupata. Sono andata dai carabinieri ed ho sporto denuncia”.

 

"Chi ha scritto sa delle cose di me"

approfondimento

The Watcher, la storia vera che ha ispirato la serie tv Netflix

Ma le ultime righe non lasciano la signora tranquilla nonostante la denuncia. “Scoprirà presto cosa si nasconde tra le mura della sua dimora - si legge - Mi piace molto il fatto che lei non chiuda mai, o quasi, la porta. Troverà una sorpresa”. Quelle poche righe hanno condizionato la vita della signora che lavora in un bar di Castelfranco. “Chi ha scritto sa delle cose di me, è evidente. Escludo che possano essere i miei vicini. Siamo tre nel pianerottolo, tutte persone per bene e del condominio non conosco quasi nessuno. Non so perché qualcuno dovrebbe farmi una cosa del genere, anche se fosse uno scherzo. Io sono preoccupata, speriamo bene”.

 

Cronaca: i più letti