Bari, professore picchiato a scuola per aver messo una nota a studentessa

Cronaca
©Getty

Vittima dell'aggressione un docente di diritto dell’istituto Majorana che dichiara: “Mai stato così umiliato, potrei prendermi un congedo”

ascolta articolo

Professore picchiato per aver inflitto una nota ad una studentessa. E’ accaduto a Bari. Preso di mira da due persone il professor Vincenzo Amorese, docente di diritto ed economia nell’istituto Ettore Majorana” del capoluogo pugliese, nel quartiere San Paolo. L’episodio risale al 23 settembre, a darne notizia oggi è il Corriere del Mezzogiorno. 

La ricostruzione

approfondimento

California, coyote trovato nel bagno di una scuola media. VIDEO

 

L’aggressione è avvenuta in aula. Poco prima il docente aveva inflitto una nota ad una studentessa indisciplinata che, entrata con ritardo, aveva iniziato a disturbare lo svolgimento della lezione e ad incitare gli altri compagni a fare altrettanto. Subito dopo la punizione la ragazza avrebbe minacciato vendetta al professore che dopo poche ore si è trovato in classe due sconosciuti che lo hanno picchiato violentemente.  L’uomo è finito in ospedale. Il fatto è stato denunciato alle forze dell’ordine che hanno identificato i presunti aggressori. “Sto valutando un congedo” ha raccontato il professore “al momento non me la sento di tornare lì dove ho seriamente rischiato un trauma cranico per il sol fatto di aver esercitato le mie funzioni di docente”. 

Il professore: “Ho il terrore di tornare in quella scuola”

approfondimento

5 ottobre, Giornata mondiale degli insegnanti: perché si festeggia

 

“Ho il terrore solo a pensare di poter ritornare in quella scuola dove due balordi non hanno esitato a riempirmi di schiaffi senza che io potessi spiegare nulla né difendermi, entrando impuniti a scuola e andati via come se nulla fosse accaduto” racconta Vincenzo Amorese professore da 17 anni. "Non mi era mai accaduto nulla del genere prima e sono preoccupatissimo del fatto che chi mi ha aggredito sia riuscito tranquillamente a raggiungere il primo piano dell’edificio scolastico senza alcun tipo di filtro, interrompendo il pubblico servizio con un atteggiamento che è proprio di chi crede di essere impunito" aggiunge il docente.

 

Cronaca: i più letti