Covid, stop alla sospensione per i poliziotti no-vax: verranno riammessi in servizio

Cronaca
©Ansa

Lo prevede la nuova circolare. Resta la sanzione amministrativa pecuniaria. In ogni caso, per accedere ai luoghi di lavoro fino al 30 aprile dovranno possedere, ed esibire su richiesta, almeno il Green Pass base

ascolta articolo

Stop alla sospensione dal lavoro per i poliziotti non vaccinati contro il Covid-19. Lo ha scritto il capo della polizia Lamberto Giannini in una circolare. Coloro che sono stati già sospesi "dovranno essere riammessi in servizio a decorrere dal 25 marzo 2022" (GLI AGGIORNAMENTI SUL COVID).

Resta la sanzione amministrativa

approfondimento

Vaccino Covid: dati e grafici sulle somministrazioni in Italia

Nel testo si conferma "la vigenza dell'obbligo vaccinale anche per il personale della polizia di Stato fino alla data del 15 giugno 2022", ma cambiano le "conseguenze in caso di adempimento". Niente più sospensione come detto, resta solo la sanzione amministrativa pecuniaria irrogata dal ministero della Salute attraverso l'Agenzia delle Entrate.

Almeno il Green Pass base fino al 30 aprile

approfondimento

Covid, terapie intensive stabili e ricoveri in calo. DATI

Nella circolare si precisa che "gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario appartenenti alla polizia di Stato resteranno sospesi dal servizio". In aggiunta, viene ulteriormente sottolineato, per l'accesso ai luoghi di lavoro fino al 30 aprile i dipendenti "devono possedere, e su richiesta esibire, una delle certificazioni verdi Covid-19 da vaccinazione, guarigione o test". Basterà dunque il Green Pass base.

Cronaca: i più letti