Donna uccisa a Reggio Emilia, corteo per ricordarla. L’ex denunciato anche da un’altra

Cronaca
©Ansa

Centinaia di persone hanno partecipato al sit-in silenzioso in ricordo di Juana Cecilia Hazana Loayza, trovata sgozzata sabato mattina in un parco. Per l’omicidio è stato fermato il 24enne Mirko Genco, condannato per stalking nei confronti della vittima. Secondo quanto emerso, venerdì sera avrebbe localizzato la donna tramite una foto su Instagram. L’uomo nel 2020 era stato denunciato anche da un'altra ex compagna per comportamenti vessatori

A Reggio Emilia sono diverse centinaia le persone che hanno partecipato a un sit-in in ricordo di Juana Cecilia Hazana Loayza, la donna di 34 anni trovata sgozzata sabato mattina in un parco. Per l’omicidio è stato fermato il suo ex compagno, il 24enne Mirko Genco: l’uomo era stato condannato per stalking nei confronti della vittima e nel 2020 era stato denunciato anche da un'altra ex compagna. Secondo le prime ricostruzioni, avrebbe individuato la 34enne tramite una storia di Instagram, poi avrebbe iniziato a seguirla prima di ucciderla nei giardini pubblici.

L’ex compagno l’avrebbe trovata tramite Instagram

Dalle prime indagini è emerso che Mirko Genco, che ha confessato l’omicidio, sarebbe partito venerdì sera da Parma, dove vive, e tramite una foto pubblicata sul social network - che mostrava Juana Cecilia Hazana Loayza con amici in una locale di Reggio Emilia - sarebbe riuscito a capire dove lei si trovasse e a raggiungerla. Secondo le ricostruzioni, dopo l’incontro sarebbe nata una discussione e il 24enne avrebbe prima tentato di strangolarla e poi l’ha accoltellata a morte. Genco, arrestato il 5 settembre per atti persecutori nei confronti della 34enne, era libero dal 4 novembre scorso, dopo aver patteggiato due anni con la sospensione condizionale nel processo per stalking.

L’uomo già denunciato anche da un’altra ex compagna

Genco già nel 2020 era stato denunciato da un'altra ex compagna con cui viveva a Parma per comportamenti vessatori nei suoi confronti. L’uomo, secondo quanto emerso, aveva costretto la donna a tagliare tutti i ponti con l'esterno e a chiudere le relazioni con le altre persone. Dopo la denuncia, lei è stata trasferita in una struttura protetta. A quanto risulta c'è un procedimento a carico di Genco per quest'altra vicenda, ma non risultano misure cautelari. Secondo quanto riportato da alcuni media, anche la madre del 24enne è una vittima di femminicidio: è stata uccisa a Parma a 39 anni nel dicembre 2015 e del delitto fu accusato l'ex convivente.

Reggio Emilia ricorda Juana Cecilia Hazana Loayza

Intanto, centinaia di persone si sono riunite nel pomeriggio a Reggio Emilia per ricordare Juana Cecilia Hazana Loayza. Un sit-in silenzioso, voluto dalle organizzazioni “Non da sola”, che gestisce il Centro anti-violenza della città, “Donne in nero” e “Non una di meno”, per chiedere giustizia. Molti gli amici e i familiari della donna, che lascia un bimbo di un anno e mezzo avuto da un’altra relazione passata, ma anche tanti cittadini che non la conoscevano. In prima fila il sindaco Luca Vecchi e altri rappresentanti delle istituzioni. Al parco, nel luogo in cui Juana Cecilia è stata uccisa, sono stati lasciati fiori, candele, messaggi.

Il sindaco: “Riflettere su strumenti giuridici che abbiamo a disposizione”

“Se sia o non sia una tragedia annunciata, il tema è un altro. Dobbiamo riflettere razionalmente sugli strumenti giuridici che abbiamo a disposizione per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne. Per lungo tempo ci siamo detti che l'Italia ha una delle legislazioni più avanzate" sul tema, "tuttavia davanti a fenomeni così non c'è tanto una richiesta di inasprimento delle pene" ma deve esserci "una riflessione su come una donna in condizioni di forte rischio possa essere protetta e messa in sicurezza", ha detto il sindaco di Reggio Emilia. "Nessuno formalmente ha sbagliato, ma è evidente che gli strumenti di diritto a disposizione si sono rivelati inadeguati a prevenire un pericolo che era presente e che poi ha manifestato un epilogo drammatico come questo", ha aggiunto.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24