Scuola, i sindacati proclamano lo stato di agitazione: "Pronti allo sciopero"

Cronaca
©Ansa

FLC Cgil, UIL Scuola, Snals-Confsal e Gilda Unams hanno presentato ai ministeri del Lavoro e dell'Istruzione e alla Commissione Garanzia una nota ufficiale di proclamazione dello stato di agitazione e richiesta di esperimento di tentativo di conciliazione. Si interrompono dunque le relazioni sindacali con il Miur

I sindacati della scuola sono sul piede di guerra. FLC Cgil, UIL Scuola, Snals-Confsal e Gilda Unams hanno presentato nota ufficiale al Ministero del Lavoro, al Ministero dell'Istruzione e alla Commissione Garanzia, di proclamazione dello stato di agitazione e richiesta di esperimento di tentativo di conciliazione. Si sono interrotte le relazioni sindacali con il ministero dell'Istruzione e si apre la strada "a forme ampie di mobilitazione", e i sindacalisti fanno sapere che "non viene esclusa alcuna forma di protesta compreso lo sciopero".

"Serve disponibilità di giungere a soluzioni condivise"

leggi anche

Maturità 2022, addio alle prove scritte? I sindacati dicono no

La nota ufficiale è stata firmata il 15 novembre dai quattro segretari generali. La convocazione del ministro fissata per il 17 novembre, prosegue la nota, andrà aggiornata in un nuovo confronto di natura formale che includa i temi della protesta in atto. "Lo sciopero - hanno sottolineato i segretari generali - viene considerato uno strumento e non un obiettivo perché non c'è alcuna intenzione di accentuare le spaccature presenti nel Paese, né di minare la necessaria coesione sociale in un momento difficile e in una trattativa complessa, ma serve la disponibilità e la volontà politica di giungere a soluzioni condivise, sia economiche che giuridiche, che riguardino l'insieme del personale della scuola che ora appaiono veramente troppo lontane e disattese dalla legge di Bilancio. Risorse per il rinnovo del contratto, quelle da inserire nella Legge di Bilancio e interventi normativi destinati al personale, per l'eliminazione di vincoli e strettoie burocratiche, sono i nodi da sciogliere".

Rinnovo del contratto tra i punti centrali

vedi anche

Eduscopio 2021, la classifica delle migliori scuole superiori d'Italia

"Il CCNL 2016-2018 - si legge nella nota inviata - già scaduto al 31/12/2018, è stato formalmente disdettato ma le risorse stanziate per il rinnovo nella legge di Bilancio 2022 sono assolutamente insufficienti per concludere la trattativa e contengono vincoli inaccettabili che ostacolerebbero qualunque conclusione positiva del negoziato contrattuale. Occorrono inoltre risorse aggiuntive per ridurre il divario esistente tra le retribuzioni del settore, a parità di titoli di studio, alla media di quelle del comparto pubblico". Il rinnovo del contratto è infatti tra i punti centrali da trattare. "Il superamento delle incursioni legislative in tema di contratto è questione da risolvere - non si può scrivere il contratto in Legge di Bilancio, affermano Sinopoli, Turi, Serafini e Di Meglio - va affermata la centralità delle prerogative contrattuali rispetto alla legge come strumento di potenziamento della funzione unificante che il sistema di Istruzione e Ricerca svolge per l'intero Paese". 

Organici, precari e personale Ata

leggi anche

"IoLeggoPerché", edizione da record: iscritta più di una scuola su tre

FLC Cgil, UIL Scuola, Snals-Confsal e Gilda "giudicano inaccettabile l'intervento unilaterale su materie di competenza della contrattazione quali la mobilità, la formazione, la valorizzazione professionale e in generale su tutti gli aspetti attinenti al rapporto di lavoro". Organici, precari, personale Ata sono i settori sui quali è più urgente un intervento e per i quali si rivendicano incrementi di organico e superamento dei blocchi della mobilità. "Che fine ha fatto l'applicazione del Patto per la Scuola firmato a maggio scorso? Va data applicazione a quell'accordo", sottolineano i quattro segretari. Un richiamo forte viene fatto alla centralità della didattica e alla comunità educante, alla sburocratizzazione del lavoro e alla semplificazione amministrativa. Netto no a ogni forma di autonomia differenziata e a ogni iniziativa di devoluzione delle competenze in materia di istruzione. Nelle more della procedura di conciliazione il personale tutto, docenti ed ATA, si asterrà da ogni attività aggiuntiva, non prevista nel relativo mansionario, In particolare i DSGA (direttori dei servizi generali e amministrativi) facenti funzioni rimetteranno il loro contratto nelle mani del dirigente scolastico che lo ha sottoscritto.

Cronaca: i più letti