Pisa, aggressioni e rapine: arrestati due ragazzi membri di una baby gang

Cronaca
©Ansa

Lo scorso 15 giugno i due minorenni hanno ferito con un fendente un 17enne mentre tentavano di rubargli il portafoglio. Lesioni, lesioni aggravate, rapina e tentata rapina aggravata i reati per cui si trovano in stato di custodia cautelare in carcere

Lesioni, lesioni aggravate, rapina e tentata rapina aggravata. Sono i reati per cui due ragazzi minorenni -membri di una baby gang con base a Livorno- si trovano in stato di custodia cautelare in carcere, in esecuzione di un ordine emesso stamattina dal gip del tribunale dei minori di Firenze. 

Le indagini

vedi anche

Baby gang, decine di raid a Paternò: quattro arresti

L’indagine, condotta dalla Squadra mobile di Pisa e coordinata dalla procura per i minorenni del capoluogo toscano, è partita dopo il ferimento di un ragazzo 17enne, colpito gravemente all'addome dai due indagati con un fendente durante un tentativo di rapina del portafoglio. I fatti, avvenuti in pieno giorno nella centrale via Turati a Pisa, risalgono allo scorso 15 giugno.

Il fermo in stazione

vedi anche

Messina, tentata rapina su un treno: scoperta baby gang

Lo stesso 15 giugno, i due ragazzi sono stati fermati nei pressi della stazione di Pisa. Individuati grazie alle riprese delle telecamere di videosorveglianza urbana, sono stati sottoposti a perquisizione dagli agenti di polizia che hanno trovato un coltello su di loro. Il 17enne aggredito ha in seguito riconosciuto i suoi aggressori grazie alle foto mostrategli dagli inquirenti.

Altre indagini

leggi anche

Roma, terrorizzavano coetanei del quartiere: denunciata baby gang

I due minori sarebbero responsabili di un'altra rapina, avvenuta il 28 agosto, sempre nel centro storico di Pisa, a danni di un ragazzo 21enne a cui è stato rubato il cellulare. Le telecamere della zona hanno immortalato uno dei due rapinatori con indosso la maglia di un club calcistico, la stessa che sui social network risulta indossata da uno dei due indagati per i fatti del 15 giugno. Sulla base di questo indizio gli inquirenti pisani stanno portando avanti le indagini.

Cronaca: i più letti