Delitto Zorzin, nel 2005 il killer si sparò "accidentalmente" con una donna in auto

Cronaca
©Ansa

Marco Turrin, la guardia giurata che ieri ha sparato, uccidendola, alla 21enne  in provincia di Vicenza, 16 anni fa si ferì a una gamba con un colpo partito accidentalmente mentre era in auto con la sua fidanzata. Ma la versione fornita all'epoca non aveva convinto pienamente gli inquirenti. A riportarlo è il Corriere del Veneto

Marco Turrin, l’uomo responsabile dell'omicidio della 21enne Alessandra Zorzin che nella serata di mercoledì si è tolto la vita dopo essere stato a lungo ricercato dalle forze dell’ordine, nel 2005 era stato protagonista di un altro episodio finito nelle cronache: si ferì a una gamba per un colpo accidentale partito dalla sua pistola di ordinanza mentre si trovava in auto con la fidanzata. A riportarlo è il Corriere del Veneto, che spiega come secondo quanto ricostruito al tempo dai carabinieri, l’arma era sistemata all’interno della custodia vicino al sedile e senza sicura.

L’episodio con la pistola risalente nel 2005

leggi anche

Vicenza, uomo uccide ragazza 21enne e si toglie la vita

Turrin, di professione guardia giurata, aveva ricevuto una prognosi di 10 giorni. Le indagini dell’epoca non avevano escluso la possibilità che fosse stata in realtà la ragazza a chiedere all’uomo, allora 23enne, di mostrarle la pistola e che il colpo fosse partito mentre i due osservavano l’arma. Secondo quanto riporta il Corriere del Veneto, Turrin aveva raccontato agli amici: “La pistola l’ho presa io, credevo che la sicura fosse inserita, è partito il colpo e mi è andata di lusso che non mi abbia colpito in parti vitali”. Ma è una versione che non aveva mai convinto al 100% gli inquirenti.

L’omicidio, poi la fuga e il suicidio

Alessandra Zorzin, 21 anni, è stata uccisa in casa ieri, 15 settembre, con un colpo di pistola al volto nel Vicentino, a Valdimolino, una frazione di Montecchio Maggiore. A scoprire il cadavere della ragazza nel primo pomeriggio è stato il marito. La giovane faceva la parrucchiera, era sposata e aveva una figlia di due anni che al momento del delitto si trovava all'asilo. Secondo i testimoni sentiti dai carabinieri aveva conosciuto da poco Turrin e i vicini di casa lo hanno visto parcheggiare ieri mattina nel piazzale dell'abitazione della giovane. Sempre i testimoni hanno anche raccontato che l'uomo era stato visto altre volte entrare in casa della vittima, e che ieri hanno sentito un litigio, delle urla e poi un rumore secco. Turrin si è poi dato alla fuga con la sua auto, a notata successivamente nella zona di Vicenza Ovest da due pattuglie dei carabinieri e della polizia di Stato. Alla vista delle forze dell'ordine, Turrin si è sparato all'interno della macchina.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24