Alessandra Mussolini si schiera a favore del Ddl Zan: cambiare significa essere liberi

Cronaca

Apertamente a favore del ddl Zan, l'ex esponente politica scende in campo facendo parecchio rumore. Donna di destra dal cognome ingombrante oggi fa sentire la sua voce forte e chiara schierandosi a favore del ddl Zan, contro le discriminazioni e per le adozioni da parte di coppie omosessuali

Qualche tempo fa una foto in cui sulla sua mano aperta faceva vedere la scritta “ddl Zan”. Poi un’intervista ad un settimanale e foto esplicite sui suoi Social. Apertamente a favore del ddl Zan, scende in campo facendo parecchio rumore Alessandra Mussolini. Donna di destra dal cognome ingombrante oggi fa sentire la sua voce forte e chiara con lo slogan: “Cambiare significa essere liberi”. 

Le dichiarazioni su Chi

approfondimento

Ddl Zan, Parolin: "Santa Sede non chiede blocco. Italia Stato laico"

Nell’intervista rilasciata al settimanale Chi, l'ex parlamentare di Forza Italia oggi personaggio televisivo ha parlato a lungo della proposta di legge contro l’omotransfobia: “Oggi più che mai bisogna combattere tutti assieme le tante discriminazioni che, purtroppo, esistono ancora”, ha detto, “dicono che limita la libertà di espressione? Sono dell’idea che, in questo caso specifico, la mia libertà finisce dove comincia quella degli altri”. Ma Alessandra Mussolini non dice la sua solo sul ddl Zan, si dice anche favorevole alle adozioni di bambini da parte di coppie omosessuali. “I bambini abbandonati negli istituti sono la peggiore sconfitta di ogni società. L’amore deve prevalere su tutto”, ha detto. E alla domanda: “e se suo figlio o sua figlia le dicesse di essere gay?” – la Mussolini risponde che non avrebbe problemi, perché “per me conta, oggi più che mai, solo ed esclusivamente la loro felicità”. “Occorre iniziare oggi per le generazioni future”, ha concluso, “ogni rivoluzione culturale necessita di tempi molto lunghi”.

La conversione

A chi le parla di conversione risponde: “Nessuna redenzione, ho aderito a una campagna che considero più che giusta”. L’ex politica non si limita a questa intervista, infatti, per mostrare tutto il suo sostegno ai diritti LGBT. Basta aprire il suo account Instagram per imbattersi in una serie di scatti decisamente espliciti.

Quando inveì contro Vladimir Luxuria

Si fa una certa fatica a pensare che sia la stessa Alessandra Mussolini di qualche anno fa, quella che nel 2006, ospite in tv non ebbe remore ad attaccare pesantemente Vladimir Luxuria con un'uscita che fece scalpore. Ma come lei stessa scrive anche su Facebook: “Cambiare significa essere liberi”.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24