Dad: Pc4u, la piattaforma per donare i pc. L'idea di 4 ragazzi

Cronaca

Paolo Fratter

Ci si collega al sito www.pc4u.tech, si clicca per donare o ricevere, si inseriscono i propri dati. I computer vengono ritirati, ripuliti e consegnati a chi ne ha fatto richiesta. Così si aiuta a studiare chi non può andare a scuola e non ha gli strumenti per seguire la didattica a distanza

Il lavoro non si ferma neppure nel fine settimana per Matteo, uno studente milanese di 18 anni che, insieme a un gruppo di amici suoi coetanei , Emanuele, Pietro e Jacopo (l’ideatore del progetto) ha dato vita www.pc4u.tech una piattaforma online che mette in collegamento studenti che hanno bisogno di un computer per la didattica a distanza  e persone (o aziende) che sono nelle condizioni di donare questi dispositivi. Usati, ma funzionanti. 

L'idea nata nella prima ondata

leggi anche

Covid Lombardia, Fontana incontra gli studenti in Dad sotto Regione

Tutto è nato nel corso della prima ondata , quando si è ricorsi alla dad per ridurre gli assembramenti all’interno delle scuole e frenare l’avanzata della pandemia e si è presa maggiore consapevolezza di come non tutti gli studenti godano delle stesse opportunità. Tutto Funziona in modo molto semplice. Chi è interessato a donare o ricevere , si collega al sito  e inserisce i propri dati. Poi dall ufficio ci si sposta sulla strada. Si ritirano i computer. Vengono puliti e rimessi a nuovo, impacchettati e poi portati  ai destinatari.

Dad, uno strumento non alla portata di tutti

leggi anche

Covid e scuola, dad senza consumare giga con Tim, Vodafone e Wind Tre

Uno di questi è la famiglia Dy, di origini Filippine, ma da 13 anni in italia. Due genitori e 5 figli vivono in un appartamento a Bovisa, quartiere a Nord di milano. È mamma Grace a raccontarci le difficoltà incontrate per garantire la didattica a distanza: “Mio marito è l’unico a lavorare in famiglia - ci ha detto - e io devo badare ai due bimbi più piccoli. Mi sono rivolta a questi ragazzi per avere una mano”. Fino a oggi, 150 ragazzi hanno ricevuto un computer. Una goccia nel mare , forse, ma in grado però di dare un po’ di ossigeno a tante famiglie in difficoltà. 

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24