Coronavirus, c'è un piano nazionale tamponi: previsti fino a 300mila test al giorno

Cronaca
©Ansa

Nelle prossime settimane verrà messa a punto una strategia che partirà dalla "bozza" del microbiologo Crisanti, attualmente al vaglio del ministero della Salute e  del Cts. L'obiettivo del piano è essere attivo nel periodo più delicato dell'influenza stagionale e del suo picco. Saranno utilizzati anche nuovi modelli di test

Un gruppo di esperti sta elaborando un piano nazionale per i tamponi per individuare il coronavirus (GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE - I FOCOLAI IN ITALIA), la cui elaborazione partirà dalla "bozza Crisanti", il progetto sottoposto a ministero della Salute e Cts dal microbiologo Andrea Crisanti. Il piano verrà messo a punto nelle prossime settimane, con l'obiettivo di entrare a regime nel periodo più delicato dell'influenza stagionale e del suo picco. 

Previsti anche nuovi test

approfondimento

"Fino a 300mila tamponi al giorno", cosa prevede il piano di Crisanti

Sul tavolo degli esperti ci dovrebbe essere anche la possibilità di adottare nuovi test come quelli in grado di distinguere se i sintomi di un paziente sono riferibili al Covid o all'influenza. Tutto il piano partirà, come detto, dalla bozza presentata da Crisanti, che ha ideato lo screening di massa realizzato dalla Regione Veneto.

Il piano di Crisanti in valutazione

approfondimento

Coronavirus, Crisanti: ‘Piano per quadruplicare i tamponi è informale’

Andrea Crisanti ha messo a punto il Piano nazionale di sorveglianza, un progetto che prevede la quadruplicazione dei tamponi con una spesa iniziale di 40 milioni di euro, più un milione e mezzo al giorno per la gestione. Il testo è stato poi inviato al ministero della Salute e al Comitato tecnico scientifico che nei prossimi giorni lo dovranno valutare.

Cosa prevede la "bozza Crisanti"

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo, le ultime news del 31 agosto

Nel progetto del microbiologo c'è l'innalzamento del numero di tamponi da 75-90mila a 300mila al giorno, oltre all'attivazione di venti nuovi laboratori in ogni regione. Tutto con il coordinamento del governo centrale, ma con un supplemento alle Microbiologie delle varie Regioni.

Cronaca: i più letti