Coronavirus, autorizzato studio nazionale sull'efficacia del plasma: coinvolti 56 centri

Cronaca
©Ansa

Lo studio, autorizzato dal Comitato Etico dello Spallanzani, ha validità immediata su tutto il territorio nazionale. TSUNAMI, questo il nome, valuterà l’efficacia e il ruolo del plasma ottenuto da pazienti convalescenti da Covid-19

Parte in Italia la sperimentazione sul plasma dei pazienti guariti dal Covid19, per verificarne il possibile utilizzo come strategia terapeutica (CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE - LA MAPPA DEL CONTAGIO IN ITALIA). Il Comitato etico dell’ospedale Spallanzani di Roma ha infatti autorizzato lo studio Tsunami (acronimo di TranSfUsion of coNvaleScent plAsma for the treatment of severe pneuMonIa due to SARS.CoV2), uno studio nazionale comparativo randomizzato per valutare l'efficacia e il ruolo del plasma ottenuto da pazienti convalescenti da Covid-19. L’annuncio arriva dall'Agenzia del Farmaco, che specifica che il parere unico rilasciato dal Comitato Etico dello Spallanzani ha validità immediata su tutto il territorio nazionale.

“Lo studio consentirà di ottenere evidenze scientifiche sul ruolo del plasma”

approfondimento

Coronavirus, la situazione in Italia: grafici e mappe

Lo studio – fa sapere l’Aifa - è stato attivato su indicazione del Ministero della Salute ed è promosso dall'Istituto Superiore di Sanità e dalla stessa Agenzia del Farmaco. Al momento sono coinvolti 56 centri, distribuiti in 12 Regioni. Attraverso un approccio unico e standardizzato alla terapia con il plasma dei convalescenti, lo studio consentirà “di ottenere evidenze scientifiche solide sul ruolo di questa strategia terapeutica”, si legge nel comunicato dell’Aifa e “di fornire, in modo univoco, trasparente e in tempi rapidi, informazioni e risposte alle domande sulla sua sicurezza ed efficacia”. Lo studio prevede due Principal Investigator (sperimentatori principali), l’Azienda ospedaliero-universitaria di Pisa e il Policlinico San Matteo di Pavia, ed è coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità. Si avvale inoltre di un Comitato scientifico, con funzione di sostegno e supervisione, presieduto dal dg dell’Aifa Nicola Magrini.

Cronaca: i più letti