Coronavirus, 500 uomini a presidio delle zone focolaio

Cronaca

Saranno integrati a quelli già presenti e saranno coordinati dai prefetti. La prima regola di ingaggio sarà far rispettare il decreto del governo

Sono 500 le donne e gli uomini appartenenti alla polizia e alle forze armate inviati in Lombardia e Veneto a presidio degli accessi alle aree focolaio del coronavirus e che devono restare isolate. Queste personale va ad aggiungersi a quello già presente e sarà coordinato a livello locali dai prefetti, i quali dovranno anche indicare le 'regole di ingaggio' per far rispettare le disposizioni contenute nel decreto del Consiglio dei ministri

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.