Timbrava il cartellino e andava via, arrestato il sindaco di Scalea Gennaro Licursi. Video

Cronaca

Truffa aggravata ai danni dello Stato e falsa attestazione della presenza in servizio. Sono i reati contestati a vario titolo dalla Guardia di finanza al primo cittadino, agli arresti domiciliari, e a tre dipendenti dell'A.S.P. di Cosenza, sospesi dal servizio

Il sindaco di Scalea, Gennaro Licursi, impiegato dell'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, è stato arrestato dalla Guardia di finanza con l'accusa di essersi assentato arbitrariamente dal posto di lavoro. A Licursi, che è stato posto agli arresti domiciliari, viene contestato il reato di truffa aggravata. Altri tre dipendenti dell'Asp sono stati sospesi perché sarebbero stati suoi complici. Secondo l'accusa Licursi si sarebbe assentato per un totale di 650 ore. Nei suoi confronti i finanzieri di Scalea hanno anche eseguito un decreto di sequestro di beni per equivalente per un valore di 12mila euro. L'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Licursi è stata emessa dal Gip su richiesta del Procuratore di Paola, Pierpaolo Bruni, e del sostituto procuratore Maurizio Licursi.

Le accuse 

Secondo gli investigatori Licursi, come riporta la Gazzetta del Sud, timbrava il "cartellino", ma poi lasciava l’ufficio e si dedicava alle proprie attività personali. In alcuni casi il sindaco di Scalea avrebbe anche attestato di essersi recato in “missione” per conto dell’ufficio, ma anche in questo caso si sarebbe occupato di questioni non attinenti al proprio lavoro. Sempre scondo gli inquirenti, i colleghi considerati complici di Licursi certificavano che la missione si era svolta regolarmente, nonostante il sindaco non si fosse nemmeno mai recato presso le sedi.

Le indagini

La Procura della Repubblica di Paola, in una nota, parla di "quadro indiziario particolarmente grave". Per gli accertamenti, gli inquirenti, spiega ancora la Procura, hanno utilizzato "telecamere installate all'interno degli uffici del Distretto sanitario del Tirreno di Scalea, analisi dei tabulati telefonici e monitoraggio con sistema Gps", oltre ai pedinamenti.

Cronaca: i più letti