Amianto nelle navi, assolti 8 ammiragli della Marina Militare

Cronaca

Gli imputati erano accusati per le morti e le malattie dei loro sottoposti. Nel processo bis a Padova il giudice ha ritenuto che “il fatto non sussiste”. Secondo la pubblica accusa, non potevano stanziare fondi per l'eliminazione del pericolo

Otto ammiragli della Marina Militare sono stati assolti "perché il fatto non sussiste” nel processo bis a Padova per i militari morti a causa dei tumori provocati dalle presenza di amianto nelle navi. Il giudice monocratico ha accolto la richiesta di assoluzione, avanzata dalla Procura per gli 8 ufficiali imputati. Secondo la stessa pubblica accusa, i vertici della Marina non avevano autonomia di spesa del budget assegnato e non potevano stanziare fondi per l'eliminazione del pericolo amianto nelle navi.

In origine gli imputati erano 40

Gli 8 ammiragli (in origine erano 40, ma molti sono deceduti nel corso delle indagini), erano imputati per le morti dei loro sottoposti e per le malattie dei tanti superstiti che ad oggi stanno affrontando impegnative chemioterapie.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.