Di Maio, nuova polemica sulla casa del padre: in una foto spunta la piscina

4' di lettura

L'immagine mostra il vicepremier in quella che sarebbe una pertinenza abusiva. Ma il leader M5s afferma di ricordare che lì ci sarebbe stata una stalla. Antonio Di Maio in un video: "Luigi non sapeva, non ha colpe". E ammette: "Sbagliai a prendere lavoratori in nero"

Ancora polemiche sul vicepremier Luigi Di Maio nella vicenda dei presunti abusi edilizi in un terreno di proprietà della sua famiglia a Mariglianella (Napoli) e dell'utilizzo di lavoratori in nero da parte dell'impresa edile del padre Antonio (LE TAPPE DELLA VICENDA). In un nuovo video delle Iene il leader del M5s nuota in una piscina che sarebbe una pertinenza abusiva. La piscina sarebbe uno dei quattro fabbricati individuati dal programma tv grazie a un drone nel terreno dell’azienda Di Maio, che non risulterebbero dalle mappe catastali. La casa con piscina, a Mariglianella, viene fatta vedere al ministro e lì, afferma di ricordare Di Maio, ci sarebbe stata una stalla. Ma in una foto del 2013 si vede Di Maio che si fa un bagno - continuano le Iene - in quella stessa piscina con fabbricato abusivo alle sue spalle "in bella evidenza". Intanto il padre del vicepremier, Antonio Di Maio, difende il figlio con un video su Facebook.

Antonio Di Maio non figura mai come dirigente della sua azienda

Al centro dell'inchiesta del programma televisivo finisce poi un altro aspetto della vicenda: Antonio Di Maio non compare mai dal 2006 nell’assetto proprietario dell’azienda, né come socio né come amministratore, nonostante ne sia proprietario. Dal 2006 al 2013 la proprietaria, affermano le Iene, è la madre del vicepremier Paolina Esposito, che tra il 2006 e il 2013 è anche insegnante, e quindi secondo la legge non poteva essere dipendente pubblico e proprietaria di un'azienda, continua la trasmissione. Poi sono subentrati i figli, tra cui l'attuale vicepremier. Le Iene ipotizzano che l'aver intestato la ditta prima alla moglie e poi a figli sarebbe stato un modo per difendere i beni dell’impresa da Equitalia. Un avvocato interpellato dalla trasmissione afferma che Luigi Di Maio potrebbe incorrere nel reato di elusione fraudolenta.

Di Maio padre: "Luigi non sapeva, non ha colpe"

Intanto Antonio Di Maio ribadisce: suo figlio Luigi non era a conoscenza dei lavoratori impiegati in nero nella sua azienda. In un video pubblicato sulla propria pagina Facebook, Antonio Di Maio legge una lettera in cui spiega: "Sentivo il dovere di scrivere. Mi dispiace per mio figlio Luigi che stanno cercando di attaccare ma, come ho già detto, lui non ha la minima colpa e non era a conoscenza di nulla". Antonio Di Maio chiede "scusa per gli errori commessi, chiedo scusa alla mia famiglia per i dispiaceri che hanno provato, e chiedo scusa anche agli operai che hanno lavorato senza contratto per la mia azienda anni fa". E poi spiega: "Ho sbagliato a prendere lavoratori in nero, ma l’ho fatto perché in quel momento non trovavo altre soluzioni a una situazione difficile". E sulla questione della titolarità dell'azienda, Antonio Di Maio afferma che "non esiste nessuna elusione fraudolenta" ed Equitalia ha iscritto "ipoteca legale su due terreni e un fabbricato di mia proprietà a Mariglianella". Quella avviata dalla moglie a proprio nome sarebbe "una nuova attività di impresa che ha pagato regolarmente le tasse", afferma Antonio Di Maio, e non un modo per eludere i debiti con Equitalia. Luigi Di Maio avrà ancora voglia di "andare avanti", dice ancora il papà nel video su Facebook. “Non potendo attaccare l'onestà, la trasparenza e il coraggio di Luigi, ecco che sono partiti attacchi spropositati contro la sua famiglia pur di screditarlo”.

Pd all'attacco: "Di Maio ancora sbugiardato"

Il Pd è partito subito all'attacco: "Prestanome per far eludere il fisco al padre. Titolare di un'azienda che ha assunto in nero. Quella che per lui era una stalla è invece la casa abusiva con piscina dove faceva il bagno. Ancora una volta Di Maio sbugiardato in diretta televisiva. Ora basta. #DiMaioBugiardo", scrive su Twitter il deputato del Pd Luciano Nobili. "Bugie, costruzioni abusive, lavoro nero, cartelle esattoriali scomparse, irregolarità nell'intestazione dell'impresa. E Di Maio che ha perso la memoria su tutto. Venga in Parlamento, è sempre più urgente. #dimaiobugiardo", rincara sempre su Twitter il capogruppo al Senato Andrea Marcucci. Su Facebook, la vicepresidente del Senato ed esponente M5s Paola Taverna interviene sulla polemica e dice di essere "stanca di leggere notizie sui nonni, fratelli, padri e prozii! Mi disgusta il voyeurismo fino alla settima generazione a prescindere da chi sia la vittima", scrive Taverna.

Data ultima modifica 03 dicembre 2018 ore 13:14

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"