Mamma "no vax" si vanta di aver falsificato il certificato sui vaccini

3' di lettura

Scoppia la bufera dopo che su Facebook una donna di Esine, Valle Camonica (Brescia), spiegava come era riuscita ad aggirare i controlli dell'asilo, falsificando un documento della figlia. Dopo segnalazioni da tutta Italia, la scuola sporge denuncia 

Mamma no vax si vanta su Facebook di aver presentato una documentazione vaccinale falsa per l'iscrizione della figlia alla scuola materna. Il 'caso' arriva fino in Regione Lombardia, con una interrogazione della consigliera Viviana Beccalossi che chiederà spiegazioni all'assessore Giulio Gallera perché sia fatta la massima chiarezza sulla vicenda.

Il post su Fb

Tutto è partito da una conversazione via social tra mamme contrarie ai vaccini. Una di loro, residente a Esine, in Valle Camonica (Brescia), qualche giorno fa si è vantata di aver aggirato i controlli dell'asilo, falsificando un documento. "Ti è rimasto un foglio mandato dall'Asl con le vaccinazioni, che devi fare? - ha scritto sul post consigliando alle altre mamme come ingannare l'istituto -. Ecco, io ho fatto così: l'ho preso, scannerizzato, cambiato data e portato alla materna, fine. Mi sono fatta furba così". Il post è diventato virale in pochi giorni tanto da essere stato segnalato alle autorità sia da utenti sia da organizzazioni.

La scuola denuncia

Secondo quanto riportano i quotidiani locali, segnalazioni di quello che in pochi giorni è diventato un vero e proprio caso sono arrivate anche alla scuola materna dove la donna portava la figlia. I dirigenti scolastici, dopo aver esaminato la situazione, avrebbero quindi deciso di denunciare il caso ai carabinieri.

Petizione sì vax raggiunge 132mila firme

Intanto, la petizione pro vax ha superato le 132mila firme. Lanciata sul web da R. A, mamma di una bimba immunodepressa per un trapianto di fegato, sta compattando il fronte dei favorevoli all'obbligo vaccinale. A sostenere la donna, un convinto movimento pro vax, che ha già preso nettamente posizione contro il disegno di legge de  M5s-Lega che propone l'obbligo 'flessibile" solo in caso di epidemia. Per l'immunologo Roberto Burioni "imporre l'obbligo vaccinale in caso di emergenze epidemiche è come allacciarsi le cinture dopo un incidente stradale".

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"