Comunica decesso paziente ai parenti: medico picchiato a Crotone

Il medico anestesista aggredito è ricoverato nel reparto di Chirurgia dell'ospedale San Giovanni di Dio di Crotone (foto: archivio Fotogramma)
3' di lettura

L'aggressione è stata messa in atto da due donne denunciate in stato di libertà con l'accusa di lesioni in concorso, danneggiamento e interruzione di pubblico servizio dagli agenti della Polizia di Stato intervenuti per porre fine al pestaggio

Era andato a comunicare il decesso di un paziente, ma i parenti dell'uomo, un trentatreenne di Rosarno (Reggio Calabria), hanno reagito alla notizia malmenandolo al punto da procurargli un trauma cranico e addominale. È quanto è accaduto nel blocco operatorio dell'ospedale San Giovanni di Dio di Crotone ai danni di un medico anestesista che adesso si trova ricoverato nel reparto di Chirurgia del nosocomio, dove presta la sua attività.

L'aggressione

L'aggressione nei confronti del medico è stata messa in atto da due donne, parenti della persona deceduta, che sono state denunciate in stato di libertà con l'accusa di lesioni in concorso, danneggiamento e interruzione di pubblico servizio dagli agenti della Polizia di Stato intervenuti per porre fine al pestaggio. "Questo ennesimo episodio di violenza - sottolinea un comunicato dell'Ordine dei medici di Crotone - nei confronti di chi si è adoperato al massimo per prestare la migliore assistenza al giovane paziente, che versava in particolari e già comunicate condizioni di acclarata criticità, pre-esistenti all'atto del ricovero, si ascrive, purtroppo, nell'ampio fenomeno di aggressioni nel settore sanitario che in Italia, ad oggi, conta circa tremila episodi l'anno, stando ai soli casi denunciati".

I precedenti

In effetti quanto accaduto a Crotone è l'ultima di una serie di aggressioni verificatesi nelle ultime settimane, soprattutto al Sud. Ad Acireale (Catania), lo scorso 25 luglio, un 45enne è stato arrestato per avere ferito, con un paio di forbici, un medico del reparto dov'era ricoverato. Il 21, nell'ospedale di Capri (Napoli), a fare le spese delle intemperanze di un giovane turista ungherese sono stati un medico e due infermiere, mentre il 10 è stato il turno di un medico e quattro infermieri di Cinisello Balsamo (Milano). Ancora prima, a giugno a Caserta, ad essere presa di mira era stata una dottoressa del presidio Asl di Frignano, mentre a inizio mese, a Palermo, c'era stata un'altra aggressione nel pronto soccorso di un ospedale dove il figlio di un paziente ha afferrato un medico per il collo perché stanco di attendere il turno. Secondo un sondaggio del sindacato di categoria Anaao Assomed, "il 66% dei medici, ovvero quasi 7 su 10, dichiara di avere subito un'aggressione da parte dei pazienti, oltre il 66% dei quali verbalmente e quasi il 34% addirittura fisicamente".

Solidarietà al medico aggredito 

A Crotone, dopo l'aggressione, è partito un coro di solidarietà in favore del medico aggredito. Dal Tribunale dei diritti del malato, che parla di "atto incivile", alla Cisl, secondo cui l'accaduto è frutto di "sottocultura". Il Codacons, per mettere fine a tali episodi, invoca addirittura l'utilizzo dell'Esercito.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"