Il Papa a Bari: preghiera di pace per il Medio Oriente con Patriarchi

4' di lettura

Il Pontefice incontra tutti i leader religiosi delle Chiese Orientali alla Basilica di San Nicola, santo venerato dai cristiani d’Occidente e d’Oriente. Bergoglio esorta: no a indifferenza che uccide, popoli calpestati. La preghiera comune proseguirà nel Lungomare 

Una giornata di preghiera per la pace in Medio Oriente. Papa Francesco è a Bari dove ha incontrato tutti i Patriarchi delle Chiese orientali. Dopo l'incontro del Pontefice con i Patriarchi alla Basilica di San Nicola, santo venerato dai cristiani d’Occidente e d’Oriente, la preghiera comune prosegue al Lungomare. Si tratta di un evento storico: tutte le chiese cristiane, non solo cattoliche, riunite alla ricerca di percorsi di pace.

Papa a Medio Oriente: vi siamo vicini

"Vi siamo vicini”, ha esordito il Papa rivolgendosi ai "popoli e le molte persone che vivono situazioni di grande sofferenza". Francesco ha ringraziato i fedeli giunti al Lungomare di Bari, "città dell'incontro, città dell'accoglienza". "Qui contempliamo l'orizzonte e il mare e ci sentiamo spinti a vivere questa giornata - ha detto Francesco - con la mente e il cuore rivolti al Medio Oriente, crocevia di civiltà e culla delle grandi religioni monoteistiche". La tradizione di fede di queste terre, dove il cristianesimo è nato, "è un tesoro da custodire con tutte le nostre forze, perché in Medio Oriente ci sono le radici delle nostre stesse anime", ha sottolineato il Pontefice.

Papa: no a indifferenza che uccide, popoli calpestati

"Preghiamo" per la pace che i "potenti in terra non sono ancora riusciti a trovare", ha detto il Papa a Bari. "Sia pace. L'indifferenza uccide, e noi vogliamo essere voce che contrasta l'omicidio dell'indifferenza. Vogliamo dare voce a chi non ha voce, a chi può solo inghiottire lacrime, perché il Medio Oriente oggi piange, soffre e tace, mentre altri lo calpestano in cerca di potere e ricchezze”. Sulla "splendida regione" del medio Oriente "si è addensata, specialmente negli ultimi anni, una fitta coltre di tenebre: guerra, violenza e distruzione, occupazioni e forme di fondamentalismo, migrazioni forzate e abbandono, il tutto nel silenzio di tanti e con la complicità di molti”, ha detto Bergoglio. "Il Medio Oriente è divenuto terra di gente che lascia la propria terra. E c'è il rischio che la presenza di nostri fratelli e sorelle nella fede sia cancellata, deturpando il volto stesso della regione, perché un Medio Oriente senza cristiani non sarebbe Medio Oriente”.

Papa: tendere sempre la mano senza cercare proprio interesse

I cristiani "sono luce del mondo non solo quando tutto intorno è radioso, ma anche quando, nei momenti bui della storia, non si rassegnano all'oscurità che tutto avvolge e alimentano lo stoppino della speranza con l'olio della preghiera e dell’amore”, ha detto il Papa. “Perché, quando si tendono le mani al cielo in preghiera e quando si tende la mano al fratello senza cercare il proprio interesse, arde e risplende il fuoco dello Spirito, Spirito di unità, Spirito di pace”. Poi il Pontefice ha chiesto una preghiera per la pace a Gerusalemme: "Imploriamolo in modo particolare per Gerusalemme, città santa amata da Dio e ferita dagli uomini, sulla quale ancora il Signore piange: Su te sia pace!" è stata l'invocazione del pontefice che ha pregato per la pace anche "per i fratelli che soffrono e per gli amici di ogni popolo e credo”.

Lungomare di Bari affollato di fedeli fin dall'alba

Il Papa è arrivato in mattinata a Bari dopo essere partito in elicottero dall'eliporto Vaticano. È stato accolto dall'arcivescovo della città, mons. Francesco Cacucci, e dai rappresentanti delle istituzioni, tra cui il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il sindaco di Bari, Antonio De Caro e il Prefetto di Bari Marilisa Magno. Al suo arrivo in Basilica si è inchinato davanti alle reliquie di San Nicola, nella cripta. A scegliere Bari, aveva sottolineato nei giorni scorsi l'arcivescovo di Bari-Bitonto, mons. Francesco Cacucci, "è stato proprio il Papa che considera questa città porta d'Oriente, e perché questa è la città di San Nicola". Intanto, il Lungomare della città pugliese è già gremito di fedeli dalle prime ore del mattino. Molti i volontari e le forze dell'ordine per i controlli ai varchi di accesso.

Data ultima modifica 07 luglio 2018 ore 09:40

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"