Camorra, minacce a pentito per farlo ritrattare: 10 arresti

Il 29 giugno i carabinieri hanno arrestato 10 affiliati al clan Polverino (archivio Fotogramma)
2' di lettura

I carabinieri di Castello di Cisterna hanno fermato gli affiliati al clan Polverino colpito dalle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia. Tra i reati contestati c'è quello di istigazione a ritrattare dichiarazioni rese all'autorità giudiziaria

Minacce ai familiari di un collaboratore di giustizia per costringerlo a ritrattare. È questa l'accusa che ha portato i carabinieri di Castello di Cisterna, Napoli, ad arrestare 10 affiliati al clan Polverino, attivo nell'hinterland a nord del capoluogo partenopeo e con potenti ramificazioni all'estero.

Le accuse per i 10 arrestati

Il blitz dei militari è scattato il 29 giugno tra Quarto e Marano, due centri del Napoletano, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda partenopea. Gli indagati dovranno rispondere, a vario titolo, dei reati di istigazione a ritrattare dichiarazioni rese all'autorità giudiziaria, furto in abitazione e danneggiamento aggravati da finalità mafiose. Secondo quanto dimostrato dalle indagini dei carabinieri, gli arrestati, a partire dall'agosto 2017, avrebbero rivolto minacce e fatto pressioni ai familiari di un pentito che con le sue dichiarazioni ha colpito il clan Polverino e quello satellite degli Orlando. Scopo dell'intimidazione era quello di spingere il collaboratore di giustizia a rendere ai magistrati dichiarazioni false e a ritrattare quelle già rese.

Il furto intimidatorio

Le minacce si sarebbero poi trasformate in atti veri e propri quando i malviventi sarebbero penetrati in casa del suocero del pentito per eseguire un furto. Nell'abitazione i ladri sarebbero entrati forzando la porta d'ingresso e approfittando del fatto che la famiglia aveva dovuto lasciare l'appartamento con urgenza per motivi di sicurezza. Dopo aver razziato il locale, i ladri avrebbero inoltre fatto esplodere diversi petardi che avrebbero danneggiato il bagno, le pareti, le porte, i mobili e gli effetti personali dei proprietari. Dopo l'arresto di oggi, gli indagati sono stati assegnati al centro penitenziario di Secondigliano.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"