Cadavere in valigia nel Vercellese: è di una donna scomparsa nel 2016

Cronaca
cadavere_valigia_vercellese_ansa

Gli accertamenti sul corpo ritrovato a novembre nelle campagne di Alice Castello hanno permesso un’identificazione certa: si tratta dei resti di Franca Musso, una donna residente a Tronzano. I familiari ne avevano denunciato la sparizione nell’ottobre dell’anno scorso

Il cadavere abbandonato in una valigia ritrovata lo scorso 4 novembre nelle campagne di Alice Castello (Vercelli) è stato identificato. Gli accertamenti medici hanno permesso di stabilire con certezza che si tratta dei resti di Franca Musso, 54 anni, residente a Tronzano, sempre nel Vercellese. La sua scomparsa era stata denunciata dai familiari nell'ottobre 2016: da allora della donna, che viveva da sola e non svolgeva alcuna attività lavorativa, non si erano più avute notizie. Ora gli accertamenti dei carabinieri del Ris proseguiranno per stabilire come sia morta la donna e chi abbia abbandonato il cadavere nella valigia.

Il ritrovamento

A novembre, un cadavere in avanzato stato di decomposizione era stato trovato da un cacciatore chiuso all’interno di una valigia. Il ritrovamento casuale era avvenuto nelle campagne di Alice Castello, al confine tra le province di Vercelli e di Biella, nei pressi di una strada che costeggia i campi della zona. La procura di Vercelli aveva subito disposto l’autopsia ma dallo stato del cadavere non era stato possibile stabilire le cause del decesso.

Cronaca: i più letti