Che cos'è il gelicidio, la minaccia crescente dell'ondata di freddo

Cronaca

Quando piove e le temperature sono vicine allo zero un fenomeno molto insidioso può colpire automobilli e pedoni

Mentre freddo e maltempo stanno colpendo diverse regioni del Nord Italia è importante prestare attenzione a un particolare fenomeno in grado di provocare infortuni anche gravi. Il gelicidio si verifica quando, con temperature vicine allo zero, la pioggia si deposita su marciapiedi e strade ancora allo stato liquido, per poi congelarsi a contatto con il suolo e creare un pericoloso strato di ghiaccio.  

I rischi

Poco visibile perché trasparente, ma assai liscia e scivolosa, questa copertura sottilissima di acqua congelata è responsabile  di numerosi incidenti. Il fenomeno non va confuso con la brina, che al contrario, è il congelamento del vapore acqueo contenuto nell'aria: si verifica in assenza di vento, creando uno strato di congelamento sulle superfici più fredde. Al contrario il gelicidio è favorito proprio dai venti freddi, come la tramontana. La prudenza è d'obbligo quando si viaggia su quattro ruote, ma anche camminando a piedi. Il gelicidio aveva fatto già parlare di sé lo scorso gennaio, quando a Milano, e in altre città del Nord Italia si verificò un boom di cadute a piedi, in particolare sui gradini della metropolitana.

Allerta massima

Con l'abbassamento delle temperature, la neve caduta nelle ultime ore rischia di compattarsi e creare incidenti. In particolare, in Liguria, Emilia Romagna e Toscana l'allerta è alta per i trasporti, mentre gran parte del nord Italia si trova nella morsa del freddo.

Cronaca: i più letti