Schianto in auto: indagato per omicidio colposo papà del neonato morto

Cronaca
incidente_Stradale_polizia

Il 12 novembre l'uomo ha perso il controllo della Fiat Punto sulla quale viaggiava assieme alla famiglia, in viale Fermi a Monza. Il figlio è rimasto ucciso nell'incidente. La dinamica è ancora da chiarire  

Il padre del bimbo morto a Monza il 12 novembre in un incidente stradale è indagato. La procura di Monza ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e lesioni. L'uomo, 20 anni, era alla guida della Fiat Punto che si è schiantata domenica mattina in viale Fermi. Si trova ricoverato in ospedale assieme alla moglie, anche lei a bordo dell'auto.

Tasso alcolico oltre i limiti

Per il bambino, di appena un mese, non c'è stato nulla da fare. Secondo le indagini, coordinate dal pm Alessandro Pepè, il neonato era nell'ovetto, presumibilmente sul sedile posteriore ma non legato a dovere al momento dell'incidente. I test tossicologici effettuati sul padre del piccolo hanno rilevato un tasso alcolico nel sangue di poco superiore al limite. Per quanto oltre le norme, secondo gli inquirenti, non sarebbe stato sufficiente a spiegare la perdita di controllo dell'auto da parte del giovane. La Polizia locale di Monza sta ancora cercando il primo soccorritore della famiglia che, a detta di altri testimoni, avrebbe tentato di assistere il bambino, su richiesta del padre, prima che arrivassero ambulanza e Polizia.

La dinamica dell'incidente

Il pubblico ministero, in attesa delle analisi sui rilievi compiuti sul posto dalla Polizia locale di Monza, ha disposto l'autopsia sul corpo del bimbo. L'esito degli accertamenti medico-legali chiarirà con precisione le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito nei primi attimi successivi all'incidente, il piccolo sarebbe rimasto schiacciato tra il sedile posteriore e quello anteriore, dal lato del passeggero, presumibilmente dopo essere stato sbalzato fuori dal suo ovetto dopo lo schianto della Punto contro il guardrail.

Cronaca: i più letti